Home » APPROFONDIMENTI » È Buono, il primo franchising sociale

È Buono, il primo franchising sociale

(Internet)

E’ Buono il progetto di Agevolando

Agevolando vuole aprire una gelateria sociale a Bologna ed altre città

Il primo Franchising sociale italiano potrebbe essere È Buono, un progetto per realizzare un laboratorio per la produzione di gelato.

A gestire la gelateria sociale saranno i ragazzi di Agevolando, l’associazione di Bologna che accompagna giovani usciti da percorsi in casa-famiglia, comunità di accoglienza o affido familiare e vuole favorire processi di autonomia abitativa, lavorativa e relazionali.

Agevolando si sta attualmente occupando della ricerca dei fondi, circa 200 mila euro per la ristrutturazione e l’attrezzatura del locale gelateria e l’acquisto delle licenze, e della programmazione della gestione.

Un accordo per la formazione dei ragazzi è già stato siglato con la azienda specializzata nel gelato Carpigiani.

Anche a Genova

Si sta realizzando un progetto analogo anche a Genova grazie all’ Associazione Ancoraggio-Ragazzi resilienti e alla Consulta Diocesana di Genova che hanno formato i ragazzi in collaborazione con la società Deloitte, che ha svolto quest’attività gratuitamente.

Dunque Bologna e Genova così stanno lavorando insieme a un progetto comune, con lo stesso marchio e con le stesse ambizioni di creare lavoro per persone fragili.

E per dare la possibilità di creare in futuro punti vendita esterni al laboratorio, dove i giovani possano diventare imprenditori a partire dall’esperienza maturata.

[jwplayer mediaid=”11370″]

A oggi sono 40 i ragazzi che hanno partecipato al primo percorso di formazione a Genova. A gestire la gelateria saranno all’inizio tre ragazze che oltre a vendere dovranno imparare a realizzare in completa autonomia i gusti da proporre ai clienti.

Sostegno alle attività

I guadagni serviranno per pagare gli stipendi e per aiutare chi dovesse decidere di aprire una nuova gelateria: il progetto, infatti, prevede che il primo sostegno a un’attività venga fornito dall’associazione che aiuterà nel sostegno alle prime spese:

“L’obiettivo è fare da incubatore – dichiara alla stampa il presidente di Agevolando Federico Zullo – dopo di che ognuno camminerà con le proprie gambe”.

Il progetto È Buono in questi giorni ha partecipato alla competizione on line La Buona Vernice, progetto di CSR di Renner Italia, dove si è classificato al quarto posto ottenendo una donazione di 2500 euro.

www.facebook.com/pages/Agevolando/166633140111025