Home » APPROFONDIMENTI » I premiati di Maker Faire

I premiati di Maker Faire

Maker Faire Roma 2016

Maker Faire Roma 2016

I progetti vincitori e finalisti della rassegna dell’ innovazione

Si è conclusa da poco Maker Faire  la più grande rassegna europea dedicata all’ innovazione dove i makers potevano condividere le proprie realizzazioni con il pubblico.

Hanno partecipato alla Fiera centinaia di progetti, idee ed invenzioni di startup, PMI innovative, scuole, università e Fab Labs di tutto il mondo ma soprattutto d’Europa.

Si sono svolti anche workshop, seminari, conferenze e molte dimostrazioni tecnologiche rivolte agli adulti e ai i più piccoli.

Il R.O.M.E. Prize

Questa edizione di Maker Faire per la prima volta ha presentato il R.O.M.E. Prize (Rome Outstanding Maker of Europe) per il miglior progetto presentato tramite la “Call for Makers”.

Un trofeo deciso da una giuria speciale composta da Neil Gershenfeld, fondatore del “Centre for Bits & Atoms” dell’Istituto di Tecnologia del Massachuttes, Bruce Sterling, autore di fantascienza, e Simona Maschi, direttore dell’Istituto di Interaction Design di Copenaghen.

I parametri che hanno portato alla valutazione dei progetti erano l’impatto sociale dell’idea proposta e la sostenibilità economica della stessa.

A vincere è stato Talking Hands, un dispositivo creato dalla start up Limix, che può essere indossato e che traduce la Lis (lingua italiana dei segni) in voce, rilevando i movimenti delle mani e trasferendo il testo ad uno smartphone e emettendo il suono dagli altoparlanti di quest’ultimo. 

Il progetto, che sarà messo in produzione quanto prima, si è aggiudicato un assegno da 100mila euro, messi in palio dagli sponsor e consegnato dal presidente della Camera di Commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti.

Gli altri riconoscimenti

Nell’occasione è stato anche proclamato il vincitore dello “Start Up Contest”, ossia il progetto GlareSmile, spazzolino da denti realizzato in stampa 3D, in grado di lavare tutti i denti in soli 10 secondi.

Questo si è così aggiudicato i 75mila euro messi in palio da Digi-Key Electronics per il miglior progetto dedicato allo sviluppo di prodotti elettronici.

Una menzione speciale invece è stata dedicata al progetto Koruza della slovena Irnas , un sistema di comunicazione ottico wireless open source per trasmettere dati in contesti urbani.

A questo link  tutti gli altri progetti finalisti di Maker Faire per il premio R.O.M.E.