Home » TECNOLOGIA E VITA INDIPENDENTE » Le principali domande sul glutine e le diete gluten-free

Le principali domande sul glutine e le diete gluten-free

Glutine e regime alimentare

 Diete senza glutine?

Le diete senza glutine sono efficaci? Cos’è la celiachia e il cosiddetto gluten-free?Alcune risposte alle principali domande poste dai consumatori celiaci. La dieta senza glutine, una delle  mode in voga negli ultimi anni tra i consumatori, rischia di essere persino peggiore delle altre. Tale infatti, si basa sull’idea che il glutine, presente in molti cereali come frumento, segale, farro, provochi numerosi malesseri e sia nocivo per l’organismo. Quale  allora il rimedio? Eliminare con soluzioni “fai da te” un’intera classe di alimenti, che però, sono proprio quelli che stanno alla base della dieta mediterranea. Ovvero i cereali e, soprattutto, il grano.

  • CHE COS’È IL GLUTINE?

Il glutine è una molecola piuttosto grossa, formata da due proteine: lo si trova in pane, pasta e dolci (prodotti con farine di cereali), ma anche in una serie di cibi industriali come sughi o cioccolato, in cui è usato per dare consistenza. Ma è dalla miscela di proteine, soprattutto gliadina e glutenina, che si forma durante l’impasto di farine di alcuni cereali con acqua. Il glutine non è quindi presente nel chicco del cereale o nella farina, ma si genera solo in seguito all’aggiunta di acqua e alla applicazione di forza meccanica, con la formazione dell’impasto. Dal latino gluten, che significa colla, il glutine è quindi l’elemento che fornisce elasticità agli impasti ma può anche essere introdotto in aggiunta a certe preparazioni, per arricchire di proteine alcuni alimenti. Esistono, in effetti, persone che non possono mangiarlo, perché sono allergiche o celiache. Ma, accanto a chi soffre davvero di queste malattie, aumentano le persone disposte ad escludere  il glutine dalla dieta alimentare, perché ritengono che sia nocivo per la salute, o perché è “sensibile”, ovvero avverte disturbi simili a quelli di chi è celiaco, pur non essendolo. Per comprendere a fondo la questione, proponiamo di seguito un vademecum a domande e risposte sul glutine e la celiachia.

  • IN QUALI CIBI SI TROVA?

Il glutine si trova in molti cereali: frumento, farro, kamut (grano egiziano spesso ritenuto erroneamente senza glutine), triticale, spelta, orzo, segale, così come nel malto dei cereali elencati e i nei loro derivati come il seitan. L’avena per ragioni complesse, molto di frequente è contaminata dal glutine. Non c’è nel riso e nel mais.

  • IL GLUTINE E’ nocivo per l’organismo?

La risposta breve è no. La risposta più approfondita spiega che esistono in effetti, persone che non possono mangiare il glutine, perché sono allergiche o celiache. Le persone che pensano che il glutine sia nocivo, semplicemente sbagliano: nessuna ricerca ha mai dimostrato che il glutine sia in sé dannoso, anche se le campagne di marketing tendono a farci credere il contrario. Si tratta di una moda che arriva dagli Stati Uniti, dove le diete gluten free hanno ricevuto il sostegno entusiasta di celebrità come Gwyneth Paltrow e Oprah Winfrey, e il giro d’affari delle aziende che producono alimenti ad hoc è quintuplicato in 5 anni. In realtà gli studi scientifici stanno dimostrando che in chi non è celiaco, l’esclusione del glutine non solo è inutile, ma potrebbe essere potenzialmente dannosa. Uno studio, pubblicato dal British Medical Journal, ha seguito oltre 110.000 uomini e donne per 26 anni, evidenziando che nei non celiaci l’esclusione del glutine non riduce il rischio cardiovascolare: gli autori hanno inoltre scoperto che l’alimentazione gluten-free nei non celiaci si associa spesso a una riduzione del consumo di cereali integrali, con risultati opposti: aumenta il rischio cardiovascolare.Per chi invece esclude il glutine perché è “sensibile” (avverte cioè disturbi simili a quelli di chi è celiaco, pur non essendolo), il discorso è più complesso. Chi soffre di sensibilità al glutine accusa disturbi digestivi, debolezza e malesseri vari, che spariscono con una dieta gluten free. In realtà non ci sono analisi in grado di diagnosticare questa condizione, che non provoca le alterazioni degli esami del sangue né le lesioni della parete dell’intestino che vediamo nei celiaci,  come spiega Maria Gloria Mumolo, gastroenterologa dell’Ospedale universitario di Pisa. Ci si arriva, dunque, per esclusione: il paziente ha disturbi, non è celiaco né allergico, perché i test sono negativi, e si conclude che è sensibile al glutine. I punti critici sono però numerosi. Per esempio, alcune ricerche hanno documentato che, in una percentuale piuttosto estesa di pazienti, la sensibilità al glutine è frutto della suggestione. In altri casi, invece, i disturbi potrebbero sì essere legati all’alimentazione, ma non al glutine, ad esempio nel caso di intolleranze alimentari (ndr).

La malattia celiaca è una infiammazione cronica dell’intestino tenue, scatenata dall’ingestione di glutine soltanto in soggetti geneticamente predisposti. In questi, il glutine provoca una reazione anomala del sistema immunitario, che aggredisce l’organismo, in particolare i villi intestinali. Infiammandosi, i villi regrediscono in misura proporzionale alla gravità della celiachia, compromettendo la loro capacità di trasportare le sostanze nutritive essenziali. Negli anni si è arricchita la varietà di sintomi della celiachia, che oggi si manifesta non più solo con i disturbi tipici: diarrea, calo di peso, spossatezza, gonfiore addominale, dolori addominali, nausea e ritardo nella crescita per i bambini. In alcuni casi subentrano invece, una serie di patologie correlate la cui insorgenza può indicare una celiachia, per esempio anemia per carenza di ferro, osteoporosi, amenorrea, carenza di vitamine e minerali, dermatite erpetiforme di Duhring, disturbi della fertilità o intolleranza al lattosio. In un regime alimentare rigorosamente privo di glutine, gli effetti negativi sono reversibili e la mucosa dell’intestino è in grado di rigenerarsi. Attenersi per tutta la vita a un regime alimentare gluten-free rappresenta oggi l’unica terapia possibile.

  • ESISTONO DIVERSI GRADI DI CELIACHIA?

Una delle più diffuse leggende metropolitane sul tema del glutine riguarda proprio i gradi di celiachia. Si tratta di una falsa notizia, perché non si può essere “leggermente celiaci”, o lo si è, comprovato da analisi biochimiche, oppure no. È corretto dire invece che la celiachia si può presentare con quadri clinici di diversa gravità e può interessare diversi organi o apparati. Ma indipendentemente dalla severità clinica di presentazione della patologia, il danno è sempre presente (nei soggetti malati di celiachia) se si assume glutine. Esistono quindi un’unica diagnosi di celiachia e un unico trattamento: la dieta senza glutine per tutta la vita. Trasgredire volontariamente alla dieta o non prestare attenzione alle contaminazioni, è dannoso per tutte le persone celiache allo stesso modo, anche in assenza di sintomi evidenti.

  • PERCHÉ ALCUNE PERSONE RITENGONO CHE MANGIARE SENZA GLUTINE LE FA STARE MEGLIO?

La dieta in assenza di glutine non ha alcuno specifico effetto sul miglioramento delle condizioni di salute delle persone non celiache o non allergiche al grano. Eventuali percezioni positive possono essere ricondotte ad altri fattori esterni (come una maggiore attenzione generale alla dieta ed agli ingredienti che si consumano) o al noto effetto “placebo”, in particolare quando i supposti effetti positivi di una dieta sono largamente promossi tra il pubblico. Anche le decantate proprietà “dimagranti” sono una leggenda: la dieta senza glutine infatti, non ha effetti sulla diminuzione del peso, non è utile per dimagrire, come molti invece credono. Un prodotto “senza glutine” (gluten-free) per essere definito tale, deve contenere una quantità di glutine inferiore ai 20 ppm. ossia “20 Parti Per Milione” e corrisponde a una concentrazione di 20 mg (di glutine) su 1 kg (di alimento). Questa soglia limite è stata individuata attraverso studi scientifici e adottata dalle legislazioni di tutto il mondo, per individuare un alimento adatto ai celiaci. Per preparare un pasto o un alimento per celiaci non è sufficiente evitare di usare le farine con glutine o il pane e la pasta convenzionali: è necessario prestare attenzione anche al rischio di contaminazione accidentale. Per contaminazione accidentale si intende l’aggiunta involontaria di glutine al prodotto alimentare che ne è privo, a causa di eventi non controllabili. Può essere di due tipi:

1 – Crociata, ovvero le possibili contaminazioni dovute agli “incroci” del prodotto senza glutine con quello con glutine lungo la filiera di produzione, dalla raccolta delle materie prime, fino alla consegna dell’alimento al consumatore.

2 – Ambientale, ovvero quella dovuta a non corretti comportamenti, per esempio durante la conservazione o la preparazione domestica o della ristorazione. Anche piccoli quantitativi (“tracce”) di glutine, presenti per contaminazione accidentale, sono dannosi per chi è intollerante al glutine, anche se di norma non provocano sintomi evidenti.

A esclusione delle mense delle strutture scolastiche e ospedaliere e delle strutture pubbliche che, dal 2005, devono garantire per legge il pasto senza glutine al celiaco, il mangiare fuori casa resta la l’aspetto più complesso della vita delle persone celiache. Con l’obiettivo di creare una rete di esercizi informati sulla celiachia e in grado di offrire un servizio idoneo alle esigenze alimentari dei celiaci, l’AIC (Associazione Italiana Celiaci), ha sviluppato dal 2000 un progetto specifico dedicato alla ristorazione: Alimentazione Fuori Casa senza glutine (AFC). Sul sito ufficiale Aic si trova l’elenco dei locali che fanno parte del network Afc, scaricabile anche come app per smartphone. Noi farmaci il glutine è presente sotto forma di amido di frumento. Tuttavia, è in concentrazioni così basse che i celiaci possono assumere tutti i farmaci presenti sul mercato. Il Ministero della Salute ha infatti confermato che i limiti imposti attualmente dalla Farmacopea Europea consentono di considerare adatti ai celiaci anche i medicinali contenenti amido di frumento. La norma della Farmacopea Europea fa sì che non sia più necessaria  riportare sulla confezione del farmaco  la specifica “senza glutine”.

  • COSA ACCADE SE S’INGERISCE INVOLONTARIAMENTE DEL GLUTINE?

Nella maggior parte dei casi, non c’è alcun sintomo. Tuttavia, per chi soffre di malattia celiaca, ingerire accidentalmente glutine può significare il reinnesco della situazione infiammatoria, con possibili gravi conseguenze.

  • I BAMBINI CELIACI POSSONO GIOCARE CON LA PASTA DA MODELLARE?

Sì, anche se in alcune realizzate con farina di grano è scritto “non adatto ai bambini intolleranti al glutine”. L’unico rischio deriva dalla ingestione e non dal contatto. Inoltre, tutti i detergenti (inclusi i dentifrici e i colluttori), i cosmetici (inclusi rossetto e burro di cacao) e i prodotti per uso esterno, non comportano rischi per il celiaco e possono essere utilizzati in tranquillità.

  • QUALI SONO I DIRITTI DEL CELIACO?

Nel tempo sono stati raggiunti numerosi traguardi, oggi divenuti diritti concreti per le persone celiache. A seguito della diagnosi del medico specialista, il celiaco ha diritto ad avere gratuitamente prodotti dietetici senza glutine, indispensabili per la sua dietaPuò quindi ritirare prodotti nelle farmacie, nei supermercati e negozi specializzati, fino al raggiungimento di un tetto di spesa mensile, che varia a seconda dell’età, del sesso e che può essere leggermente diverso da regione a regione. L’erogazione è gratuita e nasce in Italia negli anni ’80, per garantire al celiaco la dieta gluten-free, che è l’unica terapia per questa patologia cronica. Infine la distribuzione dei prodotti senza glutine, così come le altre forme di assistenza previste in molti altri Paesi Europei, si è resa necessaria a causa dei prezzi alti dei prodotti per celiaci rispetto agli alimenti convenzionali. Inoltre tutte le prestazioni mediche del follow-up (il controllo della malattia), vengono riconosciute in esenzione ai pazienti celiaci diagnosticati: in Italia sono gratuiti anche i controlli per diagnosi di malattia per i parenti di primo grado delle persone celiache (figli, genitori, fratelli e sorelle). Altra tappa in campo normativo è rappresentata  dalla legge che definisce la celiachia una “malattia sociale” e introduce il fondamentale diritto al pasto senza glutine nelle mense pubbliche, quindi le scuole e gli ospedali, e la necessaria formazione degli operatori della ristorazione senza glutine.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*