Disabili gravissimi, nuova protesta a Roma

Mercoledì 7 maggio davanti al ministero dell’Economia i disabili gravissimi del Comitato 16 novembre chiederanno il rispetto degli impegni assunti dal governo: assistenza domiciliare indiretta, erogazione fondi non autosufficienza, provvidenze sociali fuori Isee.
Secondo i portavoce del Comitato, dalla morte di Pennacchio ad oggi non vi è stato nessun cambiamento, il Governo è responsabile anche di quella morte. Attueranno i soliti metodi di protesta, è arrivato a 45 il numero di quelli che da domani saranno in sciopero della fame e della sete.

3 dicembre 2022, Giornata Internazionale delle Nazioni Unite dei diritti delle persone con disabilità: a Grottaferrata il convegno 'Lazio, Turismo per Tutti - Senza Barriere: verso una Mappa dei percorsi accessibili' clicca sul banner per scoprire di più!