Home » APPROFONDIMENTI » La telemedicina nel nuovo codice deontologico dei medici

La telemedicina nel nuovo codice deontologico dei medici

Codice deontologico medici

Codice deontologico medici

Una novità assoluta nel nuovo Codice deontologico dei medici italiani approvato in questi giorni a Torino

Il nuovo testo, varato dal Consiglio nazionale della Fnomceo, la Federazione nazionale degli ordini dei medici e degli odontoiatri che entrerà in vigore a metà giugno prevede esplicitamente la Cybermedicina e l’uso delle tecnologie.

Del resto la medicina, come molto altro, non ha più confini. L’opinione pubblica chiede quotidianamente risposte ai medici, sempre più sollecitati sui limiti e sulle prospettive aperte nel settore della medicina dalle tecnologie.

La telemedicina, l’eHealth e l’e-government, ma anche il web con i suoi forum, i social network e i migliaia di siti specializzati: le nuove tecnologie applicate alla salute non solo hanno profondamente rivoluzionato la medicina e la sanità, ma pongono nuove questioni bio-etiche e deontologiche.

Le Ict sono entrate a pieno titolo nella professione del medico e nella sanità.I sistemi sanitari, i decisori politici, le tecnologie, la ricerca, la diagnosi, la cura, le questioni economiche si intrecciano e si coinvolgono a vicenda e il codice deontologico non poteva non tenerne conto.

Tra le altre novità inserite nel Codice ci sono la medicina militare (con l’introduzione della voce “bioterrorismo” e il divieto assoluto, per il medico, di essere coinvolto a qualunque titolo nel reato di tortura), e appunto la cybermedicina, la telemedicina (con la precisazione che l’Ict non può mai sostituirsi alla visita di persona al paziente).

Da paziente a persona assistita

Da segnalare che nel dibattito, in corso da anno a questa parte, sulla ridefinizione del Codice, ampio spazio è stato riservato all’introduzione (o meno) del concetto di “persona assistita” in sostituzione del termine “paziente”. Alla fine ha prevalso una linea di mediazione: si parla di “paziente” quando ci si riferisce esplicitamente alla terapia, mentre l’espressione “persona assistita” è usata negli articoli dove si considera il mantenimento di uno stato di salute.