Home » APPROFONDIMENTI » Seat Way, una carrozzina per tutti gli spazi

Seat Way, una carrozzina per tutti gli spazi

(Internet)

Ispirata al Segway per andare su strade e terreni sconnessi

 Alcuni giorni fa a Milano è stato presentato il progetto della carrozzina speciale Seat Way della Fondazione Castorina onlus per la disabilità grave

Nato dall’idea di un pilota motociclista degli anni ‘70-80, Carlo Prati, rimasto paralizzato dalla vita in giù, è stato realizzato dall’azienda Comepre di Settimo Milanese specializzata nella lavorazione del titanio.

Innovativa carrozzina a due ruote per persone paraplegiche che si ispira al più popolare Segway, si può manovrare sia all’interno della casa o dell’ufficio, sia all’esterno sulla strada, ma anche su prati, sabbia o terreni sconnessi.

Come il Segway

L’equilibrio e la guida si raggiungono attraverso piccoli spostamenti del baricentro, ottenuti con i movimenti del tronco. Si va in avanti per partire e accelerare, indietro per frenare e retrocedere, oppure uno spostamento a destra o sinistra del timone per girare durante la marcia o ruotare su se stessi.

A differenza dei modelli simili già in vendita negli Stati Uniti, il prototipo di Seat way realizzato dalla Comepre non arriva ai 35 chili.

Dunque consente un suo più facile utilizzo, oltre alla possibilità di caricare la carrozzina nel bagagliaio di un’autovettura, anche di medie dimensioni.

Il suo prossimo sviluppo

Come spiega Ghelma, ‎direttore del progetto Dama (Disabled Advanced Medical Assistance) dell’ Ospedale San Paolo di Milano, per il momento questo veicolo può essere facilmente usato soltanto da chi ha la mobilità del tronco.

Ma si sta già lavorando, grazie alle tecnologie sensoriali ed elettroniche sviluppate nel centro ricerche “Sim-Patia”, ad un modello di Seat Way adatto anche alle persone tetraplegiche.

I realizzatori puntano anche al miglioramento dal punto di vista estetico: per migliorarne il design, si avvarranno della collaborazione di Alberto Meda, il noto disegnatore industriale milanese, le cui realizzazioni sono esposte nei musei di tutto il mondo.

Anche i prezzi saranno contenuti. Come spiega Giuseppe Dalmasso dell’azienda Comepre, i modelli in commercio partono dai 12 mila euro e ciò limita di fatto la possibilità di accedere a tale strumento.

Grazie anche a materiali provenienti dalla Cina, è stata ottenuta una drastica riduzione del costo, che è sceso fino a 5 mila euro come prezzo massimo.

(Fonte: Redattore Sociale)