Home » APPROFONDIMENTI » Donazioni al non profit in crescita

Donazioni al non profit in crescita

donazioni no-profit

Ma sono ancora poco utilizzati gli strumenti di raccolta online

Le donazioni alle Organizzazioni non profit sono in leggera crescita in base ai dati 2013 e alle stime per quest’anno.

Questo rivela l’indagine “L’andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014”, realizzata su un campione di 200 onp dall’Osservatorio dell’Istituto italiano della donazione (Iid) in collaborazione con l’Associazione italiana fundraiser (Assif).

Un’organizzazione non profit su 3 ha aumentato la propria raccolta fondi nel 2013 rispetto al 2012, con l’aumento del 3 per cento degli introiti.

Indagine donazioni no profit

E negli ultimi tre anni aumenta del 9 per cento il numero delle associazioni che migliorano il proprio fundraising e diminuisce di 11 punti il numero di quelle che lo peggiorano.

Sono più prudenti le previsioni per l’intero 2014 : +7 per cento onp che migliorano e -8 per cento quelle che peggiorano.

Secondo lo studio, tra gli strumenti di raccolta fondi più usati continua a primeggiare il direct mailing cartaceo, seguito dagli eventi speciali.

Mentre “face to face” e sms solidale sono utilizzate in maniera minore, probabilmente per i loro costi e per la loro complessità.

Poco on line ed imprese

Poco utilizzati, poi, gli strumenti di raccolta fondi online quali donazioni attraverso carta di credito, social media e crowdfunding che, aggregati, rappresentano solo il 7 per cento del campione.

Ancora poco valorizzato invece il volontariato di impresa. Secondo la ricerca l’impatto delle imprese sulle entrate totali delle onp è ancora troppo basso, inferiore al 5 per cento dei proventi totali.

E nelle scelte del profit giocano un ruolo importante le preferenze dei dipendenti e le conoscenze dirette del personale, a cui seguono gli incontri personalizzati organizzati dall’organizzazione non profit.

Contributi dall’azzardo

Infine, molte realtà non profit accettano offerte sponsorizzazioni dalle multinazionali del gioco d’azzardo, come Gtech-Lottomatica (11,5 milioni di euro  nel 2012), e Sisal (1,8 nel 2012), sostenendo numerosi progetti, anche per i minori.

E in occasione delle maratone promosse da Telethon ed altri, i punti vendita diventano luoghi in cui è possibile andare a donare, anche senza effettuare giocate.

Rimane molto perplesso il sociologo Maurizio Fiasco, che spiega come  questi bilanci sociali siano solo “operazioni marketing e non responsabilità sociale d’impresa”.

E per l’economista Luigino Bruni il fatto che organizzazioni non profit accettino i fondi dei concessionari dell’azzardo è un indice che è malato tutto il sistema, profit e no profit.

(Fonte: Redattore Sociale)