Home » APPROFONDIMENTI » Attenzione al virus digitale “.cab”

Attenzione al virus digitale “.cab”

Allarme su nuovi virus digitali

Allarme su nuovi virus digitali

Il virus “ransomwar”

La Polizia Postale sta lanciano l’allarme: in questi giorni sta circolando un virus digitale che contiene come allegato un file con estensione  “.cab”. Sono già molti i pc infettati e il dal centralino della polizia postale si raccomanda di non aprire il file poiché si darebbe esecuzione evoluta del più noto “Cryptolocker”, cioè un “cavallo di troia”, una forma di virus chiamato ransomwar che infetta i sistemi Windows e che consiste nel criptare i dati della vittima e richiedere un pagamento per la decrittazione. Il vocabolo ransomware nasce dall’unione delle parole ransom (riscatto) e software, ovvero un programma creato per bloccare il proprio computer o l’accesso ai propri dati. Il pirata informatico chiede poi un riscatto al momento di circa 200-300 euro per riavere la disponibilità delle proprie informazioni. L’unico rimedio sembra quello di ricorrere ad un backup prima della compromissione del computer e su un una memoria esterna staccata dallo stesso durante l’infezione. Nello specifico il malware si propaga tramite un file allegato a messaggi di posta elettronica, con estensione . cab e l’icona di un file compresso. Il malware è capace di far sparire in un attimo tutto il contenuto del computer. Il messaggio simula il rimborso di un ordine di oggetti che sarebbero stati ordinati e poi restituiti, ed invita il destinatario ad aprire l’allegato “per maggiori informazioni”. Succede però che una volta aperto il file con un semplice clic, si installa automaticamente il virus che cripta parti dell’hard disk impedendone l’utilizzo. A quel punto si apre una finestra popup che richiede il pagamento di una somma di denaro per sbloccarlo. Quindi l’unico modo per tornare alla normalità è pagare un riscatto di circa 600 euro.

Consigli per proteggere il pc

In rete si trovano molti consigli su come proteggere il proprio Computer dai malware. Eccone una selezione trovata qui

Avere buon senso e prudenza, in particolare quando si usa il computer per attività online, sono fondamentali per ridurre il rischio di infezioni malware nel computer o di furto dei tuoi dati.

Usare la giusta configurazione di programmi di sicurezza. Effettuare scansioni periodiche del sistema con diversi scanners. Esistono scanners online, scanners portatili, scanners cloud e scanners da installare.

Scandire sempre qualsiasi unità esterna non appena connessa al computer (ad esempio chiavette USB, hard disk esterni, lettori MP3 etc), e fare attenzione anche a CD e DVD: possono tutti contenere virus.

Tenere sistema e programmi aggiornati. Ogni giorno si diffondono nuove varianti di malware, e le liste usate dagli antivirus vengono aggiornate molto spesso, anche più volte al giorno.

Tenere Windows e Office aggiornati. Microsoft rilascia aggiornamenti di sicurezza frequentemente, che servono a prevenire virus e attacchi da altri computer, chiudendo eventuali falle di sicurezza di Windows.

Tenere aggiornati i programmi e componenti che non sono di Microsoft, ed in particolare browsers, programmi per leggere PDF, Adobe Flash, Java, QuickTime, Silverlight, add-ons, plugins ecc.

Usare password diverse per ogni sito o servizio che richiede password, scegliendo sempre password che siano lunghe almeno 8-10 caratteri; includano lettere maiuscole e minuscole, numeri, simboli speciali; non ripetano lettere o serie di lettere; non siano ovvie e facilmente indovinabili;

Non aprire email chiaramente sospette e fare attenzione ad aprire i messaggi di posta elettronica con mittenti ignoti;

Prima di scaricare qualsiasi cosa, controllare la reputazione del sito da cui si sta scaricando.