Home » Newsletter » Firma per chiedere la revoca della Gara Cup del Lazio

Firma per chiedere la revoca della Gara Cup del Lazio

Su change.org la petizione on line per chiedere al presidente Zingaretti di ritirare e rivedere la gara escludendo il massimo ribasso ed inserendo clausole sociali

_DefaultProfilePic_400x400

Come molti nostri soci hanno potuto già vedere, il Comitato Lavoratori CUP  ha lanciato una petizione che, solo nei primi 5 giorni, ha raccolto già quasi 2500 firme sulla piattaforma internazionale Change.org

Purtroppo il posto di lavoro di noi tutti, anche di chi non lavora direttamente in CUP o servizi sanitari ma, appunto, in tutte le aree della cooperativa, è a serio rischio come mai è stato in questi anni. Se questa gara d’appalto verrà indetta con questi criteri lesivi e ingiusti per le cooperative sociali, non aver rinnovata questa commessa che rappresenta l’unica fonte di ossigeno per il funzionamento dell’intera cooperativa, si preannuncia una strada senza uscita.

Invitiamo tutti i soci lavoratori che ancora non lo hanno fatto, a firmare e a far firmare la petizione rintracciabile a questo link

Qui sotto, riproponiamo il testo della petizione diretta al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti:

Siamo i lavoratori dei Centri Unici di Prenotazione (Cup) delle Asl e delle Aziende Ospedaliere della Regione Lazio ed ora, ci servesostegno, nella forma di una semplice firma per una petizione che intendiamo presentare al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e a Raffaele Cantone Presidente dell’Anac, l’Autorità Nazionale Anti Corruzioneper chiedere il ritiro e la revisione di unagara di appalto che minaccia i nostri posti di lavoro e, con essi, il nostro futuro ed il futuro delle nostre famiglie, ma anche la qualità deiservizi offerti al cittadino per accedere alle strutture sanitarie della Regione.

Infatti, dopo l’annullamento della precedente gara nel dicembre del 2014, a causa di un’inchiesta per turbativa d’asta legata a Mafia Capitale, il 27 giugno 2015 la Regione Lazio ha indetto una nuova garaper l’affidamento dei Centri Unici di Prenotazione.

PERCHÉ?

  • Perché taglia oltre 350 posti di lavoro sui circa 2000, quasi il 20% dell’intero organico attuale non tenendo conto della ricognizione dei fabbisogni dei servizi CUP elaborata solo lo scorso anno dalle Aziende Sanitarie e quindi rappresenta un’ulteriore difficoltà in termini di tempi di attesa e code da parte dei cittadini per accedere alle prestazioni sanitarie pubbliche.
  • Perché precarizza e discrimina i lavoratori, dato che il bando non prevede come obbligo, tranne che per le persone con disabilità, la riassunzione del personale attualmente in servizio nel ruolo e nel livello contrattuale raggiunto. Tutto ciò è in contrasto con le disposizioni a tutela del lavoro previsti dalla normativa vigente e dalle nuove direttive comunitarie sulla base anche dei nuovi indirizzi previsti dalla riforma degli appalti pubblici, risultando persino in violazione all’articolo 7 della Legge Regionale del Lazio n. 16/2007.
  • Perché cancella ogni diritto dei lavoratori, inclusi quelli acquisiti, come il diritto al risarcimento per licenziamento dalla ditta uscente, e li mette alla mercé dei datori di lavoro, dato che l’assenza di una clausola di riassunzione può costringere i lavoratori ad accettare condizioni peggiorative, pena la disoccupazione.
  • Perché favorisce logiche di massimo ribasso ed una concorrenza sleale  tra le ditte, a vantaggio di quelle entranti su quelle uscenti già titolari dei servizi. Contrariamente anche alla precedente gara la mancanza dell’indicazione nel nuovo bando degli inquadramenti economico-contrattuali del personale attualmente in forza, crea una evidente disparità nelle offerte economiche tra chi deve garantire continuità di lavoro e di retribuzioni  e chi invece subentra ex novo  senza nessun vincolo, con la possibilità di avvalersi inoltre dei benefici del Jobs Act , circa il 30% di risparmio sul costo del lavoro per ogni nuovo assunto.
  • Perché una gara di fornitura costituita essenzialmente da manodopera non può in ogni modo prescindere dal costo del personale impiegato e  le offerte dovrebbero essere consentite  nel rispetto dei contratti di lavoro e della legge e senza ribassi al di sotto del costo del lavoro medesimo, per non favorire speculazioni ed evasioni sul diverso trattamento retributivo dei lavoratori.
  • Perché è illogica  la suddivisione in quattro lotti di una gara centralizzata dei 17 servizi di Cup, che  favorisce accordi lottizzatori e spartitori tra imprese concorrenti e turbative d’asta, con il rischio di creare forti disparità di trattamento contrattuale a parità di ruolo tra il personale occupato in lotti differenti.
  • Perché la suddivisione in lotti è paradossale  rispetto al processo di razionalizzazione del sistema sanitario regionale in corso, che prevede l’accorpamento di aziende che fanno parte di lotti differenti.
  • Perché è quanto mai inopportuno che la Dirigente Regionale, già indagata dalla Procura di Roma per favoreggiamento e false dichiarazioni al PM nell’inchiesta mafia capitale in corso sulla precedente gara del CUP annullata a dicembre 2014, sia colei che ha predisposto la procedura di gara attuale.

Senza difese e tutele, siamo vittime inermi da sacrificare agli appalti e agli affari di una PA asservita ai poteri forti e piegata alla necessità di un risparmio senza scrupoli morali, che significa solo macelleria sociale e non servizi migliori e più efficienti offerti al cittadino.

La gara rappresenta per noi un rischio per il nostro futuro lavorativo. Da cittadini e da lavoratori che operano all’interno delle aziende e delle strutture sanitarie e ne conoscono bene il funzionamento, lanciamo un ALLARMEla gara, così come è stata concepita, senzaconsiderare le esigenze manifestate dalle Asl, crea il caos sul pianoorganizzativo nel processo di razionalizzazione dei servizi CUP, avviato dal programma Recup con lo scopo di centralizzarli e renderli più efficienti, con maggiori disservizi e disagi per i cittadini.

Come lavoratori dei servizi CUP della Regione Lazio, abbiamo quindi deciso di organizzarci in un comitato in difesa dei nostri diritti e del nostro lavoro, aperto a tutti, Organizzazioni Sindacali, Amministratori Pubblici, Operatori, Cittadini.

La sottoscrizione di questo appello è la prima delle numeroseiniziative della campagna che ci proponiamo di perseguire, incluso il possibile BLOCCO DI TUTTI I SERVIZI CUP, per chiedere con determinazione e forza l’immediato RITIRO del bando di gara, che altrimenti si chiuderà il 21 settembre 2015, e la sua REVISIONE con l’introduzione di REGOLE chiare sull’ESCLUSIONE DEL MASSIMO RIBASSO, l’INCLUSIONE DI CLAUSOLE SOCIALI, a partire dagli OBBLIGHI DI RIASSUNZIONE E DI RISPETTO DEL RUOLO E DEL LIVELLO CONTRATTUALE del personale oggi impiegato da parte delle imprese che dovessero subentrare a quelle attualmente titolari del servizio.

Ci ribelliamo a questa nuova ingiustizia che si consuma su di noi e ci opponiamo con tutte le nostre forze a chi tenta impunemente di fare cassa sulla nostra pelle di lavoratori!