Home » APPROFONDIMENTI » Giubileo, arrivano i PIT per sordi

Giubileo, arrivano i PIT per sordi

 

e.lisir

E-lisir Evoluzione Lingua dei Segni Italiana con interprete in Rete

Nei P.I.T. della Capitale per tutto il Giubileo i turisti sordi avranno a disposizione un assistente virtuale che parlerà la lingua dei segni.

Roma è la prima città italiana a offrire E.lisir, il sistema per sordi. Ne avevamo già parlato in un nostro articolo qualche tempo fa ma vi aggiorniamo su questo servizio, elaborato da un’azienda specializzata e in arrivo nei primi dieci punti d’informazione turistica (P.I.T.) entro l’8 dicembre 2015, il d-day del Giubileo.

E.lisir, consentirà di tradurre le informazioni richieste nella lingua dei segni, rendendo accessibili tutti i servizi del punto d’informazione anche ai turisti sordi. Il primo dispositivo disponibile e funzionale è stato collocato sul nuovo PIT inaugurato a piazza Sonnino, la “porta” di Trastevere.

Sfiori lo schermo, compare l’assistente virtuale, digiti le domande e l’assistente risponde in linguaggio LIS.  “Un modo semplice e concreto”-  ha sottolineato l’assessore Di Liegro durante la celebrazione del taglio del nastro alla stampa- “per prendere sul serio il Giubileo della Misericordia, aprendo le porte di Roma davvero a tutti”.

E.lisir lavora in videoconnessione, traducendo informazioni e contenuti dei PIT nel linguaggio dei sordi. All’altro capo, dietro il volto digitale che compare sullo schermo del tablet, ci sono operatori  Zetema. E dietro il servizio c’è un accordo tra Roma Capitale, Zètema e Società Video Assistenza Mobile (l’impresa che ha sviluppato E.lisir).

[jwplayer mediaid=”12922″]

I primi dieci tablet con il software E.lisir, dunque, arriveranno entro la data d’avvio del Giubileo. A  seguire saranno installati gli altri, fino a dotarne tutti i PIT romani. “Crediamo che il turismo delle pari opportunità”- ha sottolineato Di Liegro –  “debba essere una caratteristica fondamentale e imprescindibile dell’accoglienza a Roma”.

Ridare la parola a chi non la può neanche sentire, ma ha bisogno di comunicare come chiunque altro. È la scommessa vinta del servizio E-Lisir, un sistema innovativo di assistenza alla comunicazione per sordi, che traduce con un’app la lingua italiana dei segni (Lis) in lingua parlata.