Home » APPROFONDIMENTI » A Milano un progetto di pet therapy rivolto a bambini con bisogni educativi speciali

A Milano un progetto di pet therapy rivolto a bambini con bisogni educativi speciali

Domenica Patron, insegnante delle elementari esperta in sostegno, con la sua cagnolina Ruh

Domenica Patron, insegnante delle elementari esperta in sostegno, con la sua cagnolina Ruh

Amico pet, l’iniziativa di intervento assistito con animali  per scolari con bisogni educativi speciali.

Si tratta di un progetto della cooperativa sociale Tempo per l’infanzia, una realtà che opera a Milano dal 1985, che forma gli operatori e gli animali che li affiancano, di cui abbiamo già parlato in un nostro articolo, raccontandovi l’esperienza di pet therapy che ha portato cinque cani e tre gatti tra i pazienti oncologici di Milano.

La cooperativa fa parte della rete nazionale WeAnimal (Rete nazionale operatori di pet therapy in Italia) e si occupa della formazione della figura del coadiutore con il cane, gatto, coniglio in collaborazione con l’ente accreditato alla formazione CEREF (ente accreditato con la regione Lombardia).

Ora il gruppo di lavoro  di Tempo per l’Infanzia  è pronto a supportare bambini con bisogni educativi speciali (BES) , che presentano delle problematiche che gli impediscono di vivere serenamente la scuola.

Il progetto Amico pet

Ha una durata annuale e viene svolto un giorno alla settimana in piccoli gruppi alla scuola elementare Bottego di Milano, su entrambi i plessi (Bottego e S.Mamete). Si tratta, in realtà, di una collaborazione ben collaudata da anni: il primo progetto di pet therapy è stato realizzato qui nel 2010 da Elena Sposito, educatrice professionale e referente dell’area Iaa della cooperativa, con la sua cagnolina Jacky. Dopo sei anni dalla prima realizzazione, grazie alla perseveranza della Sposito con la sua nuova cagnolina Belle e al supporto, nonché amore per gli animali, di Domenico Squillace, il nuovo direttore scolastico, “Amico Pet” ritorna.

Elena Sposito, con la sua cagnolina Jacky

Elena Sposito, con la sua cagnolina Jacky

 

Il progetto si avvale della collaborazione della coadiutrice Domenica Patron, insegnante delle elementari esperta in sostegno, con la sua cagnolina Ruh e sotto la supervisione dello psicoterapeuta Fabio Regis e della veterinaria comportamentalista Zita Talamonti.

Grazie alla relazione che verrà a stabilirsi tra Belle e Ruh e i bambini, che vivono una situazione di disagio e sofferenza, viene stimolata la cura per se stessi e il prossimo, poiché gli animali trasmettono sicurezza e senso di protezione.

Tra l’animale e il bambino scatta un rapporto di fiducia, di simpatia, di complicità e di affetto. Il loro incontro è un appuntamento importante nella giornata di un bimbo che ha difficoltà scolastiche e magari fatica ad andare a scuola.

 

Affinché questo momento non sia soltanto vissuto come gioioso e ludico ma vengano anche stimolate le emozioni, l’affettività e la socializzazione tra i pari, è necessaria un’accurata e articolata preparazione che l’equipe di Tempo per l’Infanzia assicura, grazie alla lunga esperienza e al continuo aggiornamento professionale di tutti gli operatori secondo le linee guida nazionali.

Per INFO www.pettempoinfanzia.it