Home » APPROFONDIMENTI » Il progetto Care Lab dell’Istituto Don Gnocchi

Il progetto Care Lab dell’Istituto Don Gnocchi

Istituto Don Gnocchi e il progetto CareLab

Istituto Don Gnocchi e il progetto CareLab

Un progetto di riabilitazione assistita dalla tecnologia

Il progetto Care Lab dell’Istituto Don Gnocchi  parte con una campagna per sostenere un servizio innovativo che trasforma la terapia in gioco. Aiutare a riabilitare i bambini con problemi neuromotori attraverso il gioco, grazie alle più moderne tecnologie e all’utilizzo della realtà virtuale: è questo l’obiettivo di CARE Lab, il progetto messo a punto dalla Fondazione Don Gnocchi, al centro della campagna di raccolta fondi con SMS solidale attiva dal 15 febbraio al 6 marzo 2016 al numero 45502. Il progetto CARE Lab (Computer Assisted Rehabilitation) è stato realizzato dai ricercatori del Centro IRCCS “S. Maria Nascente” di Milano della Fondazione Don Gnocchi, nell’ambito dello sviluppo di metodi, modelli e strumenti innovativi per la migliore efficacia dell’attività clinica e riabilitativa, sempre più vicina alla quotidianità del bambino. L’utilizzo delle tecnologie – nascoste agli occhi dei bambini – trasformano gli ambienti delle terapie in spazi apparentemente solo di gioco, stimolando la partecipazione attiva e le motivazioni dei piccoli pazienti, con notevoli miglioramenti delle loro capacità motorie. I bambini vengono ospitati in una stanza multimediale hi-tech, attrezzata con strumentazione audio-video per permettere loro di svolgere un’attività di riabilitazione motoria e cognitiva sotto forma di gioco interattivo, presentato in una realtà virtuale semi-immersiva. L’attività dei pazienti viene rilevata tramite sensori nascosti e l’elaborazione delle informazioni fornisce le misure quantitative necessarie al monitoraggio dei programmi riabilitativi personalizzati. Dall’altra parte una stanza di controllo e supervisione consente agli operatori di supportare l’azione del bambino, personalizzando e adattando gli esercizi ai bisogni e alle caratteristiche di ciascuno. Una terza stanza permette la riabilitazione attraverso attrezzature, come la consolle di videogiochi, simili a quelle presenti nel contesto domiciliare: in questo modo il bambino può proseguire a casa parte dell’attività terapeutica svolta nel Centro.

Una donazione via sms

I fondi raccolti con gli SMS solidali verranno utilizzati dalla Fondazione Don Gnocchi per completare la sensorizzazione del pavimento della stanza hi-tech (per rilevare le forze di interazione con il terreno da parte del bambino e tracciare percorsi terapeutici personalizzati); per l’acquisizione di un sistema che consente di rilevare contemporaneamente l’immagine osservata dal bambino e il punto di fissazione degli occhi e valutare così uno spettro più ampio di disturbi dell’apprendimento; e per sviluppare nuovi scenari e giochi nel contesto della riabilitazione domiciliare.