Home » APPROFONDIMENTI » Per l’ accessibilità digitale della P.A.

Per l’ accessibilità digitale della P.A.

Accessibilità digitale

Accessibilità digitale

Una nuova procedura rende più semplice pubblicare gli Obiettivi

Nei giorni scorsi è stata pubblicata la  Circolare n. 1/2016 dell’ AgID (Agenzia per l’Italia Digitale) che ha aggiornato gli Obiettivi di accessibilità che devono essere perseguiti dagli Enti della Pubblica Amministrazione a favore dei disabili visivi.

Tali Obiettivi, già pubblicati nella precedente circolare (61/13), sono stati confermati ed attualizzati, con una nuova procedura per il monitoraggio dello stato di  accessibilità digitale della Pubblica Amministrazione (oltre 20 mila siti tra Amministrazioni, Enti ed Istituti scolastici).

Un Questionario di autovalutazione

Viene introdotto il modello A “Questionario di autovalutazione”, uno strumento che le amministrazioni possono utilizzare per effettuare un’autovalutazione sullo stato di adeguamento dei propri siti e servizi web alla normativa sull’accessibilità.

I risultati del questionario, ad uso esclusivamente interno, potranno fornire all’Amministrazione un quadro completo delle criticità esistenti per ogni sito web e servizio fornito.

I medesimi risultati potranno essere utilizzati dall’Amministrazione per predisporre un elenco di punti per la definizione degli obiettivi annuali di accessibilità e degli interventi da realizzare.

Una nuova applicazione  

La nuova applicazione web Obiettivi di Accessibilità poi permette all’amministrazione il caricamento e la pubblicazione prevista dalla legge degli obiettivi annuali di accessibilità come indicato nel manuale utente.

Tale applicazione semplificherà notevolmente la precedente modalità, guidando l’Ente nella compilazione e nella produzione automatica di un file in formato .pdf accessibile.

Gli obiettivi possono risultare anche nella pagina “Accessibilità” del sito web istituzionale o in altre pagine esplicative dedicate.

L’ Osservatorio Nazionale

Questa procedura è stato resa possibile anche grazie al lavoro di analisi e ricerca condotto nell’estate dello scorso anno da un apposita sezione dell’ Osservatorio Nazionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità. 

Nell’organismo, previsto dalla Legge 18/09 di ratifica della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, partecipano infatti le associazioni di rappresentanza dei disabili visivi e gruppi tecnici esperti nel settore.

(Fonte: Superando.it)