Home » APPROFONDIMENTI » Come sta cambiando l’e-commerce

Come sta cambiando l’e-commerce

 

Ecommerce

Ecommerce

 

Come sta cambiando l’e-commerce

Come sta cambiando l’e-commerce. Gli esperti di una delle più grandi società di consulenza strategica, la Gartner, dicono che ci troviamo sulla soglia di un cambiamento epocale, il passaggio dall’e-commerce  al digital commerce, che integra dinamiche digitali e tradizionali in un processo che ha sempre di più al centro il cliente. Le statistiche dicono che: Entro il 2018, più del 50% degli e-commerce integrerà le tecnologie per gestire la digital customer experience; Entro il 2018, il 40% degli e-commerce Business to Business userà algoritmi di ottimizzazione e di definizione automatizzata del prezzo; Entro il 2018, il 30% degli acquisti fuori dai confini nazionali degli utenti asiatici sarà guidata dalle capacità logistiche dei fornitori non asiatici; Entro il 2018, i buy button dei social network contribuiranno per il 2% del totale degli introiti da digital commerce dei brand.; Entro il 2020, le tecnologie di smart personalization, utilizzate per riconoscere e prevedere il comportamento dell’utente, influiranno sulle vendite per il 15%.

Il valore dell’esperienza del consumatore

Al di là dei numeri e delle previsioni  gli esperti della Gartner prevedono che l’esperienza del consumatore diventerà, entro il 2020, il principale elemento di competizione tra aziende. In gergo viene chiamata “experience-driven“, ovvero tutto ciò che è legato alla qualità percepita dall’utente. Le tecniche di marketing dovranno sempre più cercare di coinvolgere, conoscere e monetizzare i clienti digitali, offrendo esperienze di valore in ogni momento. Di pari passo, le professioni legate all’e-commerce dovranno sempre più adeguarsi. Ma quali sono i profili, le abilità e le competenze per poter operare in questo settore? L’ e-commerce specialist è un profilo tecnico, uno sviluppatore specializzato nella realizzazione di piattaforme web. Si occupa di sviluppare e adattare la piattaforma di vendita per le esigenze del cliente e il suo compito è analizzare le necessità del titolare e integrarle nel negozio online. È sua responsabilità garantire la riuscita della gestione delle operazioni di vendita. L’online store manager, invece, è un vero e proprio capo-negozio virtuale. Ha funzioni molto simili a quelle che competono alla stessa figura in un negozio fisico, gestisce lo store da un punto di vista operativo e sceglie – insieme alla parte commerciale – le giuste strategie per la promozione online del sito, curando anche gli aspetti più estetici della vendita. È necessaria una buona conoscenza dei Content Sistem Management per la gestione dei contenuti e delle schede prodotto e può essere molto utile integrare le proprie competenze con conoscenze SEO e di web marketing.