Home » APPROFONDIMENTI » Rapporto Eurostat sulla navigazione in rete degli italiani

Rapporto Eurostat sulla navigazione in rete degli italiani

Gli italiani e la navigazione web

Gli italiani e la navigazione web

Sempre più cellulari, meno telefono fisso

Rapporto Eurostat sulla “navigazione” in rete degli italiani.  In Italia, più che nel resto della Ue, ci sono famiglie con in casa un cellulare ma non il telefono fisso. Il 31% delle famiglie italiane non ha connessione internet fissa ma dispone di un cellulare con connessione a internet. È questo uno degli interessanti risultati emersi dall’indagine Ue sulle eCommunication, condotta da Eurostat per porre attenzione sulla diffusione dei servizi di comunicazione elettronica e sul livello di protezione percepito dai consumatori.

Dall’indagine emerge che in quasi 7 abitazioni  europee su 10 (69%) c’è almeno una persona che usa internet mobile: una percentuale in aumento di 21 punti percentuali rispetto al 2014. In Italia, più che nel resto d’Europa, ci sono famiglie con in casa un cellulare ma non il telefono fisso (43% contro il 33% di media Ue). Il 31% delle famiglie italiane (contro una media Ue del 13%), inoltre, non ha connessione internet fissa ma dispone di un cellulare con connessione a internet, anche se a livello Ue la percentuale sale al 58% degli under-29. Resta però più alta della media Ue la percentuale di famiglie italiane senza alcun accesso a internet (28 vs. 20%).

In linea con la media Ue del 74% la percentuale di italiani (73%) che considera la telefonia mobile il servizio di comunicazione più importante, seguito da internet mobile (il secondo più importante per il 41% degli Italiani e il 34% degli europei) e dalla telefonia fissa (31% vs. 32%).

Italiani innamorati degli smartphone

Gli italiani risultano quindi, proprio perché ormai ‘smartphone-dipendenti’, meno ‘affezionati’ degli altri europei alla banda larga fissa. Il 70% degli italiani appena si sveglia, prende in mano il telefono.

E’ uno dei tanti dati contenuti nella ricerca Global Mobile Consumer Survey 2015 di Deloitte, studio che ha evidenziato come questa passione possa anche diventare un problema nei rapporti con gli amici, a lavoro e alla guida. In tanti, ben il 74%, utilizzano il cellulare quando sono in compagnia degli amici. Il 42% lo fa durante una riunione e il 20% mentre guida. La tecnologia mobile nel 2015 è diffusa anche tra gli over 65, che stanno recuperando velocemente terreno rispetto ai più giovani.

Il 58% degli italiani tra i 65 e i 75 anni possiede già uno smartphone e il 28% ha intenzione di acquistarne uno nuovo nei prossimi dodici mesi. Un dato in forte aumento, quest’ultimo, se confrontato con il 19% dello scorso anno. L’84% degli italiani fa o riceve almeno una telefonata al cellulare più di una volta al giorno (il 72% nella Ue) e il 54% invia o riceve sms (45% nella Ue). Il 50% usa servizi di instant messaging più volte al giorno (contro il 36% nella Ue) e il 36% invia email (35% nella Ue). il 27% posta contenuti sui social più volte al giorno contro il 19% nella Ue e il 17% effettua chiamate (anche video) via internet.