Home » DIRITTI » Un numero verde contro le discriminazioni

Un numero verde contro le discriminazioni

(Internet)

L’ Anmic in Italia

Sarà gestito dall’ ufficio antidiscriminazione dell’ ANMIC

L’ ANMIC (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili) ha reso attivo il numero verde, nazionale e gratuito, 800572775, per segnalare casi di discriminazioni nei confronti di persone con disabilità.

Questo servizio potrà essere utilizzato per segnalare qualunque pratica che sia lesiva dei diritti della persona, come la violazione dei propri diritti sul luogo di lavoro, la mancata erogazione di servizi legittimi, insulti o trattamenti discriminatori.

Gli operatori del contact center saranno disponibili a raccogliere le segnalazione tre giorni a settimana (martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 9,30 alle 13,30 e nel pomeriggio dalle ore 15,30 alle 17.00).

In tutti gli altri giorni risponderà una segreteria telefonica, che raccoglierà comunque le varie segnalazioni degli utenti.

La raccolta delle segnalazioni

Tutte le procedure vengono gestite dall’ ufficio antidiscriminazione, un servizio dell’ANMIC che è attivo da alcuni mesi.

Gli operatori del contact center, opportunamente formati, daranno alle persone alcuni consigli per affrontare e superare la situazione denunciata.

Successivamente gli operatori forniranno indicazioni precise per ricevere la documentazione di supporto alla denuncia, inviata tramite fax o mail.

La documentazione potrà essere consegnata direttamente alla sede territoriale ANMIC, che opererà a livello provinciale o a livello centrale per casi di particolare gravità.

L’assistenza legale

Il personale preposto farà anche un’attenta analisi della richiesta, per verificare la veridicità delle denunce e delle discriminazioni e quindi attivare i servizi competenti.

Un ufficio apposito penserà ad attuare proposte di intervento ed azioni concrete per l’ assistenza legale ed il supporto alle vittime, sia in sede amministrativa che giurisdizionale.

Nei casi necessari, ANMIC si riserva la facoltà di costituirsi parte civile in eventuali processi penali o di promuovere essa stessa un’azione civile.

Per informazioni o segnalazioni si può utilizzare la mail antidiscriminazione@anmic.it