Home » NEWS » Attraverso lo specchio Show

Attraverso lo specchio Show

Attraverso lo specchio show

Attraverso lo specchio show

Serata a favore della Cooperativa Sociale Integrata Matrioska

Dopo 50 puntate e oltre 70 ore di diretta, con musica dal vivo, ospiti della cultura, dello spettacolo e del sociale, rubriche strampalate con personaggi straordinari, sulla ribalta del Teatro Orione Attraverso lo Specchio diventa teatro per una sera, in un eccezionale evento a sostegno della sopravvivenza della Cooperativa Sociale Integrata Matrioska.

La serata  del 24 novembre è a sostegno della Cooperativa, che dopo dieci anni di intensa progettualità sperimentale e innovativa, rischia di chiudere i battenti per mancanza di lavoro, mentre i soci bielorussi conseguentemente rischieranno di perdere il permesso di soggiorno

Una Festa di musica e comicità, in cui la partecipazione e la con-divisione nella reciprocità vuole diventare – come nella trasmissione televisiva – il presupposto per una ipotesi di ri-fondazione di una nuova Comunità aperta e solidale

Nata nel 2006, da un progetto di start-up, la Cooperativa Sociale Integrata Matrioska è un gruppo già noto per le sue sperimentazioni teatrali e cinematografiche, in cui l’occhio “diverso” di giovani bielorussi con esperienze di orfanotrofi, manicomi e strada si miscela con il divertimento dell’ inclusione sociale, culturale e lavorativa, in reciprocità con persone italiane – giovani e meno giovani, con e senza disabilità.

La trasmissione

La trasmissione televisiva Attraverso lo specchio, andata in onda dal 14 febbraio 2013 al 16 marzo 2016 sul circuito televisivo regionale, nazionale e satellitare di Gold Tv Italia, si è inserita in un più ampio progetto di sviluppo imprenditoriale di cooperazione sociale integrata e sostenibile, di animazione di comunità e di creazione di spazi reali e virtuali di incontro e costruzione di un laboratorio permanente delle diversità sul territorio – con l’ambizione di diventare il primo vero varietà sociale della televisione italiana….. per una televisione con la gente, per la gente, tra la gente.…

Lo spazio televisivo dedicato sul digitale terrestre e sul satellite costituisce l’opportunità per ri-definire l’immagine di una cooperazione sociale matura e responsabile, che si mette a disposizione della Comunità e del Territorio, per favorire processi e percorsi di cittadinanza attiva e partecipazione.

Come in televisione, anche in Teatro, il pubblico verrà introdotto in un viaggio surreale tra passato e presente, all’interno dei ricordi di un Internato bielorusso fino alle Guerre di tutti i tempi, dal superamento dello specchio dell’istituzionalizzazione psichiatrica alla deriva dei clandestini in mare, dalle violenze all’infanzia alla voglia di integrarsi e di incontrare gli altri diversi da noi..…

Tanti personaggi, apparentemente strampalati, si muoveranno in mondi virtuali, in cui si confonderanno il reale e l’immaginario, alla ricerca di una Identità, nella deflagrazione tecnologica delle mille identità possibili..…

I partecipanti

Tanti personaggi vagheranno sul palco, come è sempre accaduto nello studio televisivo, interrompendo, irrompendo ed interagendo con gli ospiti istituzionali, gli artisti, gli scrittori e la gente comune, che una strana coppia di presentatori/conduttori (Andrea Venuto – il noto giornalista su sedia a ruote e respiratore annesso e connesso + Giovanni Sansone – noto animatore culturale e responsabile di servizi sociali, prolisso nel fisico, nel gesto e nella parola) proverà a incontrare e ad intervistare

con la collaborazione di Mascia Kachan – Ivan & Misha Krasnik – Olga Tsikhamirava – Ruslan Shulhat  Sergei Maksimau  Anja Svistunova  Donatella Venia – Gaia Carletti  Sebastiano Alfei Stefano Amati

in collegamento via skype con i giovani del progetto “Pinocchio – Casa delle Arti e dei Mestieri per giovani con disabilità psichica” in Bielorussia dell’Associazione Volontari “Il Cavallo Bianco”

Tanti personaggi… Eroi moderni, personaggi un po’ stralunati, carte di mazzi diversi mescolate insieme, filosofi senza etica e sacerdoti di antichi riti… che attraverseranno lo specchio – reale e virtuale – della memoria, dei pregiudizi e dei luoghi comuni… per proporre alla Comunità un modo alternativo di stare al mondo, finalmente senza le maschere teatrali della quotidianità attuale.

Sul palcoscenico:
Maria Grazia Cucinottaattrice – Stefania Congiadirigente Ministero Lavoro – Rodolfo Giorgetti,responsabile Immigrazione Italia Lavoro – Augusto Battagliapresidente Comunità Capodarco – Umberto Lucarelliscrittore e regista – Danilo Reschignaattore …. e molti altri ancora

Suoneranno dal vivo:
Luca Pirozzi e Musica da Ripostiglio
Emanuele Bocci

Quota unica 20 euro

info: matrioska20102011@libero.it
06.64012643
www.coop-matrioska.it