La Gentrification e la città negata ai cittadini con disabilità

 La Gentrification e la città negata ai cittadini con disabilità

È uscita la prima monografia in italiano sugli studi di quel particolare fenomeno urbano, gentrification, di cui tanto si scrive e dibatte all’estero. Dopo il volume del 2012 sull’evoluzione lungo cento anni di un rione romano, Testaccio, Irene Ranaldi direttrice responsabile della testata, ci porta oltre oceano a NYC, per esplorare similitudini, differenze e parallelismi.

«Questa ricerca è stata discussa per la dissertazione della tesi di dottorato in Teoria e Ricerca Sociale, facoltà di Sociologia, e intende inserirsi in quel filone degli studi urbani che si occupa di quartieri popolari ed ex industriali in fase di riqualificazione e/o ricambio di classe sociale. Tali aree sono considerate spesso casi esemplari di zone in transizione, dove in seguito al disinvestimento di attività economiche si vengono a creare nuove comunità frutto della combinazione di rinnovate architetture, arrivo di residenti delle classi medio-alte e apertura di attività creative e culturali. Attraverso un approccio qualitativo, costituito principalmente dall’osservazione partecipante e delle interviste in profondità, si è inteso studiare il rione Testaccio nel centro storico di Roma e il quartiere di Astoria nel Distretto del Queens a New York considerati contesti urbani peculiari dal punto di vista delle mutazioni intervenute nel mercato immobiliare, della natura del processo di trasformazione urbana, delle categorie socio-economiche coinvolte e del grado di diversità culturale esistente».

La tematica è strettamente connessa alla divisione in classi della città contemporanea e alla segregazione, a volte a partire dalla stessa progettazione, delle fasce sociali portatrici di bisogni speciali come i cittadini con disabilità. Una “gentrification” quindi relazionale e sociale che impatta sulla mobilità urbana e sulla possibilità, negata o resa difficile, di godere appieno della città e quindi della cittadinanza.

3 dicembre 2022, Giornata Internazionale delle Nazioni Unite dei diritti delle persone con disabilità: a Grottaferrata il convegno 'Lazio, Turismo per Tutti - Senza Barriere: verso una Mappa dei percorsi accessibili' clicca sul banner per scoprire di più!

Il volume per la sua rilevanza nell’introdurre in Italia, attraverso la prima pubblicazione in lingua italiana, il fenomeno è stato presentato in più occasioni e luoghi isituzionali (Sala della Protomoteca del Campidoglio, principali biblioteche Comunali, La Pelanda/Macro Testaccio, facoltà di Urbanistica, facoltà di Sociologia, ecc.) e informali (principali centri sociali romani, locali, ecc.) sia a Roma che a New York (City University of New York CUNY, Brooklyn College). In Italia, oltre che a Roma, è stato presentato nell’ambito di “Umbria Legge” a Terni e in Basilicata per una manifestazione connessa a Matera Capitale della Cultura 2019.

Sociale.it organizzerà a gennaio una presentazione del libro insieme ad altre realtà associative, per concentrare l’attenzione soprattutto sulle politiche della mobilità urbana.