Home » EVIDENZA » Giornata italiana contro il cyberbullismo

Giornata italiana contro il cyberbullismo

Cyberbullismo in crescita

Cyberbullismo in crescita

Mario Dany De Luca

Vittima una ragazza su sei in Italia

In occasione del Safer Internet Day 2017 il 7 febbraio 2017 si celebra la prima Giornata italiana contro il cyberbullismo e il bullismo a scuola, dal titolo: “Un Nodo Blu – le scuole unite contro il bullismo”. Obiettivo dell’evento è quello di far riflettere le ragazze e i ragazzi non solo sull’uso consapevole della rete, ma anche sul ruolo attivo e responsabile di ciascuna e ciascuno nel fare di internet un luogo positivo, inclusivo, di crescita e soprattutto sicuro. L’iniziativa, promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca (Miur), si inserisce nel “Safer Internet Day 2017”, la Giornata mondiale per la sicurezza in rete istituita e promossa dalla Commissione europea che è giunta alla sua XIV edizione.

L’hate speech

Da una recente indagine sull’hate speech, condotta da Skuola.net e dall’Università degli Studi di Firenze, emerge che il 40% degli intervistati, tra i 14 ed i 18 anni, ha dichiarato di trascorrere online più di 5 ore al giorno. Whatsapp è il più usato per gli scambi social fra gli adolescenti (80,7%), seguito da Facebook (76,8%) e Instagram (62,1%).  Sono tanti i motivi per i quali si può rimanere vittima di cyberbullismo, dalla semplice apparenza (magari caratteri troppo timidi o per via dei vestiti che si portano) ai difetti fisici, dal fatto che si è bravi a scuola ai gusti musicali, senza dimenticare la provenienza geografica e ovviamente gli orientamenti sessuali (rispettivamente il 43% ed il 56% dei casi registrati). Nell’82,4%, secondo dati di Telefono Azzurro, le azioni aggressive sono compite da amici o compagni di classe, da gente che si conosce insomma, e nel 10% si tratta di persone adulte. Attraverso la linea dedicata 196.96 e la chat, nel corso dell’anno scolastico 2015-2016, l’associazione ha gestito quasi un caso al giorno di bullismo e cyberbullismo, per un totale di 270. Il 62% dei casi ha riguardato situazioni di bullismo, mentre nel 28% dei casi la richiesta di aiuto era invece riferita a situazioni di abusi, fragilità familiari o problemi relazionali. Se sono i ragazzi (l’89,5%) le vittime principali degli episodi di violenza da parte dei loro coetanei, in particolare a scuola, oltre una ragazza su sei è coinvolta invece in episodi di cyberbullismo (il 16,7%). E l’età delle vittime si sta abbassando. I bulli sono generalmente maschi, amici o conoscenti della vittima, ma in un caso su quattro a compierli è invece una “bulla”.