Home » APPROFONDIMENTI » Un AmicoMed per l’ ipertensione

Un AmicoMed per l’ ipertensione

(www.amicomed.com)

(www.amicomed.com)

Il servizio monitora e previene i rischi tramite la telemedicina

Più di 15 milioni di italiani soffrono di ipertensione, causa di tanti decessi per ictus e infarto, ma circa la metà di essi ne sono ignari.

Ma attualmente è possibile intervenire per monitorare e prevenire i fenomeni ipertensivi grazie ad “AmicoMED”, un innovativo servizio basato sulla telemedicina.

Realizzato dalla società QuasarMed, intende consentire alle persone la rilevazione e la condivisione dei dati biometrici per i pazienti non acuti.

Ma può servire anche da supporto alle strutture ospedaliere per situazioni complicate o post-acute, che richiedono sistemi molto sofisticati ed una continua presenza professionale.

Come funziona

Consente di avere valutazioni cliniche illimitate sull’evoluzione della pressione arteriosa, in qualunque ora e luogo, tramite un controllo a distanza dalla Centrale Medica AmicoMED.

Per collegarsi è sufficiente disporre di un comune dispositivo per auto-misurare la pressione ed un telefono per inviare i dati alla Centrale.

L’invio dei dati può avvenire in tre modi: tramite il sito web http://www.amicomed.com, attraverso l’App AmicoMED dedicata (disponibile sia per iPhone/iPad sia per smartphone Android), effettuando una semplice telefonata e seguendo le indicazioni date dalla voce guida.

La persona riceve dei responsi complessivi e facilmente comprensibili, comunque con un dettaglio per la pressione massima e minima.

L’andamento della pressione

Il servizio garantisce al cliente/paziente la disponibilità in breve tempo della propria storia clinica digitale: ogni volta, infatti, che l’utilizzatore inserisce una misura, vi è un algoritmo (Pascal) che analizza la misura e la confronta con tutte le misurazioni precedenti, fornendo  specifici trend nell’evoluzione della pressione.

Anche il proprio medico, farmacista o familiari, se autorizzati, possono avere la visibilità delle misurazioni e responsi.

Tutti questi dettagli vengono poi resi disponibili ai cardiologi della Centrale Medica, che nell’analizzare in dettaglio la situazione possono avvalersi di una maggiore potenza di analisi, arrivando così a referti ancora più approfonditi.

Come tutte le nuove App e forme di telemedicina, può contribuire a stabilizzare la situazione di numerose persone che soffrono di ipertensione, con un significativo beneficio per lo stile di vita e il benessere delle persone stesse, oltre che per il sistema sanitario nazionale.