Home » APPROFONDIMENTI » Banking, internet batte lo sportello

Banking, internet batte lo sportello

Sempre più diffusitra gli italiani l'home ed il mobile banking

Sempre più diffusi tra gli italiani l’home ed il mobile banking

Milioni di italiani utilizzano i servizi di Home e Mobile Banking

Gli italiani non usano internet solo per navigare sui social network, ma anche per gestire il proprio conto corrente: gli ultimi rapporti indicano un alto utilizzo dell’home banking: in Italia ci sono quasi 20 milioni di conti correnti abilitati a ad operare online, più del 50% di tutti i conti correnti presenti nelle banche.

Il sistema permette di effettuare operazioni bancarie come bonifici o pagamento di bollette, direttamente dal sito della propria banca mediante l’ausilio di una connessione internet. Per quanto concerne la percentuale di crescita di questo servizio si è passati dal 26% del 2008 al 48% del 2013.

Ma è ormai possibile controllare movimenti e saldo del proprio conto corrente o inviare bonifici direttamente da dispositivi mobili, come smartphone, tablet e iPhone, grazie all’utilizzo di apposite app gratuite.

I dati dell’Osservatorio

Il Mobile banking in un anno è più che raddoppiato: Secondo un’indagine di ABI e School of Management del Politecnico di Milano, il Rapporto annuale dell’Osservatorio Mobile Bankingil 90% delle banche offre alla propria clientela almeno un servizio per il telefonino.

Nel 2013 almeno 2,5 milioni di italiani hanno utilizzato servizi di Mobile Banking, il 6% dei quali da tablet, oltre agli altri due milioni che fruiscono di servizi di notifica con messaggi SMS.

Viene considerato come uno strumento che permette di avere un maggiore controllo sul proprio denaro: l’83% degli italiani sostiene di avere migliorato la gestione delle proprie finanze.

Le diverse opportunità

Le funzionalità più usate sono state quelle informative su saldo e movimenti del conto corrente (83% dei rispondenti), le ricariche telefoniche (55%) e bonifici (40%), i servizi di geolocalizzazione per trovare Bancomat (45%) e filiali (41%).

Mentre sono molto più rari i servizi di pagamento di bollettini con QR Code, di MAV/RAV e del canone RAI.

All’estero le possibilità sono anche maggiori, come la gestione dei piani pensionistici, la proposta di polizze assicurative, servizi informativi su mostre e musei, ricerca di case in vendita.

Invece i social network si prestano ad altri servizi come assistenza in tempo reale, concorsi e promozioni, condivisioni di operazioni bancarie (donazioni), o apertura di conti correnti condivisi per specifici progetti.

Le opportunità sono ancora molte, dal momento che si possono sfruttare momenti del quotidiano prima inaccessibili per gestire i conti correnti e le operazioni, i benefici sono evidenti sia per i consumatori che per le banche stesse.

Arrivano le transazioni via SMS

E presto sarà possibile trasferire denaro in tempo reale attraverso un semplice messaggio: i primi in Italia a offrire questo servizio saranno le banche del gruppo Ubi, che in autunno lanceranno la app “Ubi Pay”.

La novità più importante è la funzione “Invio denaro”, che permetterà di inviare fino a 250 euro al giorno a un contatto della propria rubrica telefonica.