Home » APPROFONDIMENTI » Finger Reader, l’anello che legge i libri

Finger Reader, l’anello che legge i libri

(Internet)

Può leggere il testo scritto o digitale e spiegarlo ai non vedenti

L’autonomia di non vedenti ed ipovedenti passa anche attraverso il  Finger Reader: si tratta di un anello high-tech, dotato di una mini telecamera in grado di leggere il testo scritto o digitale e di renderlo così comprensibile a chi ha deficit visivi.

A chi lo indossa infatti basterà seguire la pagina con il dito, meglio se con il dito indice, e le parole scannerizzate verranno lette ad alta voce dal dispositivo scaricato sul computer.

[jwplayer mediaid=”4284″]

La scoperta geniale che potrebbe sostituire il sistema braille arriva dal Mit  (Massachusetts Institute of Technology) di Cambridge – Boston, ed è stato brevettato da un gruppo di ricerca guidato da Roy Shilkrot e Jochen Huber.

Il Finger Reader funziona con i libri di carta, i giornali, le riviste, ma anche con i computer, i tablet e tutti i touch screen, l’importante è sia davanti a delle parole scritte.

Gli unici problemi li presenta ancora con i testi scritti in caratteri troppo piccoli, come nei “bugiardini” dei medicinali o nei codicilli dei contratti.

Un anello magico

Nel caso il lettore che indossa l’anello dovesse saltare parole o righe, verrà attivata una vibrazione che segnalerà l’errore commesso.

Nessun problema invece per chi volesse cimentarsi con libri in lingua straniera: basterà attivare il traduttore simultaneo.

E a rendere particolarmente interessante il prototipo è anche il metodo impiegato per la sua realizzazione, che sfrutta al meglio le potenzialità delle stampanti 3D.

Risparmio di costi

La National Federation for the Blind, l’associazione dei ciechi americani, ha stimato che 20,6 milioni di americani adulti (quasi il 10 per cento di tutta la popolazione adulta) soffrono di problemi, più o meno gravi, alla vista e non sono in grado di leggere autonomamente un libro anche con l’aiuto di lenti e occhiali speciali.

E tra bambini ed adolescenti, che avrebbero diritto per legge ad avere gratis materiali scolastici in braille o in formati audio, solo nel 2012 erano almeno 656mila.

Il Finger Reader aiuterebbe tutti questi a fare risparmiare soldi al pubblico e a potersi mettere in poco tempo alla pari con gli altri studenti.