Home » APPROFONDIMENTI » Working Capital per le startup innovative

Working Capital per le startup innovative

(Internet)

#Wcap per le nuove start up

Working Capital Accelerator aiuta lo sviluppo di imprese innovative

Working Capital Accelerator (#Wcap) è il programma di Telecom Italia che supporta la nascita e lo sviluppo delle startup, che possono così diventare imprese innovative. Da cinque anni rappresenta una realtà presente a livello nazionale, favorendo diverse aree di sviluppo digitale (acceleratori di Milano, Roma e Catania, Bologna). Tali spazi sono anche punti di contatto e di ascolto per tutti coloro che sono interessati ai temi dell’innovazione,  per mettere a disposizione delle community territoriali strumenti di networking e formazione in collaborazione con università ed incubatori.

Make in Italy

#Wcap nel corso delle diverse edizioni ha supportato 179 startup, assegnando 109 Grant d’impresa, incubando e finanziando una cinquantina di queste, a cui si vanno ad aggiungere le 41 startup della Call for Ideas 2014 Make in Italy, chiusa a fine Maggio e che ha visto anche l’assegnazione alla startup  MarioWay del Funky Grant, dedicato da #Wcap alla memoria del funky professor Mario Zamperini, nell’ambito del Funky Prize all’innovazione sul web istituito per ricordarlo . Tra le start up selezionate ci sono idee e progetti in arrivo da settori molto diversi tra loro: Social, wearable internet, market place e di recente molti progetti legati alla sharing economy. #Wcap metterà a disposizione dei progetti selezionati nuovi strumenti di sviluppo .

#FUNKYGRANT, il finanziamento alle startup istituito da #Wcap in memoria de Funkiy Professor Mario Zamperini è andato quest'anno a MarioWay

#FUNKYGRANT, il finanziamento alle startup istituito da #Wcap in memoria de Funkiy Professor Mario Zamperini è andato quest’anno a MarioWay

Gli strumenti di crescita, sono solo grant ma anche social

Gli strumenti messi a disposizione da Working Capital per le startup innovative, dalla loro nascita fino al loro sviluppo, sono diversi. A partire da quello finanziario, con il Seed Investment Program, con cui Telecom Italia investirà 4,5 milioni di Euro nei prossimi 3 anni in opzioni o equity di startup innovative, e quello social, con  La nuova piattaforma di crowdfunding, dove idee, progetti e imprese possono ricevere finanziamenti direttamente dalla community. A a questi strumenti si uniscono il Basket Innovazione da 1 milione di Euro, per fornire leve di supporto alla crescita e allo sviluppo di nuove idee imprenditoriali e l’Albo Veloce, lanciato l’anno scorso dall’azienda, che al momento conta 90 startup che sono anche inserite nell’elenco fornitori di Telecom, che mette a disposizione delle business unit uno sconto del 50%.

[jwplayer mediaid=”4558″]

Un’Albo europeo

Adesso lo si vorrebbe trasformare in un Albo europeo, per permettere alle startup italiane di farsi conoscere all’interno dell’Unione europea. Lo strumento potrebbe essere operativo già da ottobre o novembre, Telecom ci sta lavorando da mesi insieme a partner come Orange, Deutsche Telekom e Telefonica. L’Albo europeo potrebbe diventare un progetto comune grazie al quale diverse imprese di diversi paesi potrebbero mettere in comune le migliori imprese innovative con le quali lavorano. Dall’1 all’8 agosto il Working Capital Accelerator di Catania ospita la seconda edizione dell’International Startup Campus. Una settimana dedicata alla condivisione di idee per l’imprenditoria innovativa.