Home » APPROFONDIMENTI » Per una sordità senza barriere

Per una sordità senza barriere

(Internet)

Il portale internet dell’ANSB per l’informazione e l’integrazione

È stato attivato nei giorni scorsi il nuovo portale internet dell’ANSB (Associazione Nazionale Sordità senza Barriere), che intende offrire un servizio d’informazione aperto a tutti, ma anche delle aree riservate ai i pazienti, alle famiglie, ai professionisti, ai medici e a tutte le figure coinvolte nel mondo della sordità.

Le varie informazioni presenti nel nuovo portale saranno condivisibili da tutti, con un’apertura ampia al confronto con gli altri, in particolare tramite l’integrazione con i social network.

Le persone interessate, nel rispetto della privacy, potranno raccontare la loro esperienza e i risultati raggiunti attraverso le diverse terapie e protesi.

Le difficoltà per l’occupazione

Saranno coinvolte anche le aziende costruttrici e di lavoro, affinché attraverso le esperienze e il confronto possano migliorare le loro offerte ed accrescere, in tal modo, la qualità della vita delle persone con disabilità uditiva.

Nel portale si parla anche delle difficoltà legate all’ occupazione lavorativa: nel 2010, il livello di occupazione dei disabili è sceso al 18%. E solamente il 30% dei richiedenti ha trovato un impiego attraverso gli uffici di collocamento a fronte di centinaia di migliaia di disabili iscritti al collocamento.

E questo ha portato ad una class action di 42 disabili sordomuti contro lo Stato, in forza della Direttiva Europea 78/2000 sull’uguaglianza in materia di occupazione e della sentenza del 4 luglio 2013 in cui la Corte di Giustizia europea ha condannato l’Italia per il mancato recepimento di quella direttiva.

L’auto-imprenditorialità

A dispetto di queste difficoltà, due giocatrici di calcio e imprenditrici non udenti hanno recentemente aperto un negozio d’informatica in via Zalamella 3 a Ravenna.

Unendo conoscenze tecnologiche, passione e capacità di comunicazione, Carla e Luna hanno iniziato un percorso professionale che possano dare loro la possibilità a tutti di interagire con tutti, una scommessa in un momento di crisi.

“Crediamo che la sordità non sia un ostacolo, affermano le due imprenditrici, Carla Ciotti e Luna Bizzarri, ma, al contrario, un modo per integrarci ancora di più con il mondo udente che ci circonda, poiché agli occhi degli altri il nostro mondo appare invisibile e sconosciuto”