Home » APPROFONDIMENTI » FIABADAY 2014 per l’ accoglienza

FIABADAY 2014 per l’ accoglienza

fiabaday 2014

Diverse iniziative nella campagna di sensibilizzazione di FIABA

Lo scorso 5 ottobre si è celebrata la Dodicesima edizione della “Giornata Nazionale FIABADAY per l’Abbattimento delle Barriere Architettoniche”,  un giorno voluto dalla FIABA per sensibilizzare i cittadini e le istituzioni al tema dell’abbattimento di tutte le barriere.

Per il FIABADAY 2014 è stato scelto lo slogan: Scommettiamo sull’Accoglienza!…vinciamo in Total Quality, per ricordare l’importanza dell’accoglienza quale valore ineludibile per lo sviluppo di una società aperta ed inclusiva, in grado di garantire una partecipazione attiva di tutte le persone.

[jwplayer mediaid=”5600″]

A Piazza Colonna a Roma si è svolto un grande evento di spettacoli, dibattiti e performance sul Palco. Alcune persone con disabilità, insieme ai loro accompagnatori, hanno potuto visitare le sale interne di Palazzo Chigi.

Sono state, poi, presentate due iniziative promosse da FIABA in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia ed il Laboratorio di Design Contest:

il concorso di idee sul tema dell’Accoglienza, riservato agli architetti  per la promozione di una progettazione a fruibilità totale;

la Mostra fotografica “Un’architettura alla mia altezza”, che racconta storie di persone con ridotta mobilità e le loro barriere.

Il FIABADAY proseguirà nei prossimi mesi con eventi organizzati su tutto il territorio nazionale dai nostri partner sottoscrittori di Protocollo d’intesa e dal Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, attraverso i quali saranno effettuate visite in numerosi porti italiani.

Architectural barriers survey

Nel frattempo, al Festival di Internazionale di Ferrara, è stato presentato Architectural barriers survey, un’applicazione che permette ai cittadini di creare un database di tutte le barriere architettoniche in una città, caricando fotografie e commenti: disponibile gratuitamente su iTunes, è già realtà.

Scaricando la app, si potrà dare testimonianza di tutte le barriere architettoniche che si incrociano per strada scattando una foto e condividendola, per creare un database. In un secondo momento, queste informazioni andranno a sviluppare una mappa online interattiva per tutti i pedoni.

Gli organizzatori del Festival, insieme con Sinergis, la società che l’ha sviluppata, hanno testato Architectural barriers survey già lo scorso aprile: grazie alla partecipazione degli studenti della facoltà di Architettura di Ferrara, è stato possibile raccogliere un primo set di informazioni.

(Internet)

L’applicazione fa parte del progetto i-Scope, iniziato nel 2012 e cofinanziato dalla Commissione europea, creato per sviluppare attraverso una piattaforma aperta e basata su dati geografici in 3D servizi intelligenti in tre ambiti applicativi: efficienza energetica degli edifici; mobilità e inclusione sociale degli utenti ipovedenti e diversamente abili; inquinamento acustico.

L’obiettivo finale è migliorare la mobilità delle persone disabili mettendo a disposizione percorsi alternativi ottimali, che tengono conto degli ostacoli presenti, grazie a informazioni integrate da sonoro e braille.