Home » DISABILITA' » Al Salone del gusto un percorso sensoriale e sociale

Al Salone del gusto un percorso sensoriale e sociale

AGRICOLTURAFAMILIARE

Si apre dal 23 ottobre a Torino il Salone internazionale del gusto, la rassegna sul cibo genuino e sostenibili organizzata da Slow Food, con prodotti provenienti da diversi Paesi.

Nello spazio dell’Arca del gusto nel padiglione Oval, un percorso sensoriale consentirà ai visitatori non vedenti e ipovedenti di scoprire la biodiversità con l’olfatto, il tatto e perfino l’udito.

Un percorso sensoriale

Il percorso sarà comunque accessibile a tutti i visitatori: un testo scritto in caratteri Braille posto sullo scaffale, realizzato grazie alla collaborazione con l’Unione italiana Ciechi e ipovedenti Onlus di Torino, racconterà il progetto dell’Arca del gusto.

Lo staff dell’Arca e i volontari saranno a disposizione per spiegare più nel dettaglio la storia dei prodotti esposti, il loro legame con il territorio e le ragioni per cui sono a rischio di scomparsa.

Prodotti dal mondo

Si potranno scoprire così una marea di prodotti, come il tè Don coreano dalla forma di moneta; il churqui cileno, un frutto sbriciolato e ridotto in polvere, che emana un singolare profumo di caffè ma che in realtà non è affatto un caffè.

Si potranno tuffare le mani nei cereali dalle forme più bizzarre, come il gigante mais rojo messicano, e scoprire il poliak, un fagiolo bosniaco dalla forma quadrata.

Si potranno annusare spezie marocchine e bevande dai profumi dolci, acuti e pungenti.

Al padiglione Oval le persone non vedenti potranno entrare con il proprio cane-guida, purché munito di museruola.

Prodotti sociali

Tra i padiglioni della kermesse enogastronomica del salone, vi sarà uno stand tutto dedicato al cibo sociale: saranno presenti le piante aromatiche bio della linea Vivi Verde, prodotte dalla cooperativa sociale “Il Bettolino”.

Ma anche i prodotti della cooperativa “Pausa Café”, che gestisce nel carcere di Alessandria i laboratori panifici del “Pane libero”, del “Pane quotidiano” e dei “Grissini stirati”.

Ma anche un birrificio ed una produzione di caffè che attualmente danno lavoro a diversi detenuti nelle carceri del Piemonte.

Un’iniziativa della Consorteria di Spilamberto per Ebola avverrà lunedì 27 ottobre a partire dalle 11.30 al Salone del Gusto e Terra Madre di Torino. Bottiglie di aceto balsamico, insieme ad altri prodotti tipici locali, verranno messe all’asta per la Liberia.

Per informazioni consultare il sito del Salone del gusto

Fonte: Redattore Sociale