Home » APPROFONDIMENTI » Cibo per tutti con Famezero

Cibo per tutti con Famezero

progetto-fame-zero

Una App della Caritas per ridurre lo spreco alimentare

Contro lo spreco del cibo, la Caritas Internazionale ha messo a punto uno strumento di raccolta, aggregazione e condivisione tramite la App Famezero.

L’iniziativa vuole combattere l’enorme sacca di spreco che il Programma Alimentare Mondiale ha stimato in Europa pari ad almeno 650 mila tonnellate di cibo.

A partire dall’8 dicembre prossimo, tutti potranno partecipare alla raccolta, entrando così a far parte di una rete telematica di volontariato.

Il meccanismo di raccolta

Gli utenti dovranno scaricare l’app, disponibile in diverse lingue su GooglePlay  o Apple Store (iOS), oppure registrarsi sul sito web.

Gli Angeli saranno i volontari, accuratamente selezionati, che si occuperanno di ritirare il materiale da coloro (persone fisiche, ristoranti, negozi e locali) che intendono donare.

Anche i donatori dovranno essere registrati alla piattaforma, anche tramite social network, e potranno far partire un annuncio di donazione di cibo.

L’angelo di zona riceverà in automatico sul suo profilo l’elenco degli annunci che lo riguardano, in base alla localizzazione territoriale, e potrà gestirli in totale autonomia.

L’angelo dovrà poi consegnare il cibo ai centri di raccolta locali (centri Caritas, parrocchie ed associazioni), che sono abilitati e dotati di account specifico.

Il coordinamento dei centri

I centri, avendo una situazione costantemente aggiornata, potranno così organizzare i flussi e stornare il cibo donato a favore dei bisognosi nella loro zona.

Una notifica di avvenuta consegna del cibo verrà inviata via email e/o una notifica al donatore. Gli annunci saranno resi pubblici e tutti potranno conoscere le diverse donazioni.

In ogni caso, sia gli angeli che i donatori potranno chiedere di rimanere anonimi.

Avranno comunque un punteggio in base alle valutazioni date dai punti di raccolta, in caso di  punteggio negativo potranno anche essere rimossi.

Come dicono i responsabili, Famezero rappresenta uno strumento di cittadinanza attiva e solidale, il cui successo dipende da tutti.