Home » NEWS » A Federico Bastiani il premio Campione

A Federico Bastiani il premio Campione

(Internet)

Social street in via Fondazza

Riconoscimento al fondatore della social street di via Fondazza

Ad un anno e mezzo dalla nascita della prima social street in via Fondazza a Bologna, al fondatore Federico Bastiani verrà dato il premio Campione “per avere migliorato il proprio ambiente ed essere un esempio positivo per l’opinione pubblica”

Il riconoscimento è nato a Milano dodici anni fa da un’idea di Mario Furlan, fondatore dei City Angels, e viene assegnato alle persone che hanno lanciato messaggi e valori positivi attraverso i mass-media.

Il premio a Bastiani

A Federico Bastiani, giovane giornalista e animatore del Blog su Fatto Quotidiano, il premio sarà consegnato il prossimo 22 gennaio direttamente dal sindaco di Milano Giuliano Pisapia.

Consiste in una statuina in vetro simile all’Oscar, la sagoma di un uomo con un grande cuore in mano realizzata da una cooperativa che dà lavoro a persone svantaggiate.

Le social street che lui immaginate sono comunità virtuali, create per aggregare persone che vivono nella stessa strada o nello stesso quartiere, per condividerne le problematiche e per conoscersi ed aiutarsi a vicenda negli affari quotidiani.

Le social street in Italia

Oggi sono più di 300 in tutta Italia e coinvolgono circa 30 mila persone, riunite dal gruppo Social Street Italia, nato proprio dall’esperienza nella pagina Facebook di via Fondazza.

Ma secondo Federico Bastiani il successo dalle iniziative non è legato ai numeri, ma al fatto che poche persone possano decidere di parlarsi, fuori dalla porta o nella comunità on line, e di chiedersi i favori.

“Le persone si sentono più sicure, così. Sono felici di sentirsi parte di qualcosa: c’è sempre qualcuno che, in qualsiasi momento, ha una parola buona per te”

Riguardo il premio, Bastiani così commenta: “sono emozionato. Ovviamente lo ritirerò a nome di tutte le persone che in questo anno e mezzo di vita hanno dato vita a social street in tutto il mondo”.