Home » APPROFONDIMENTI » Un’app per combattere l’ ictus

Un’app per combattere l’ ictus

(internet)

App contro l’ictus cerebrale

La web app Ictus 3R vuole dare più informazione

L’ ictus cerebrale in Italia colpisce 200.000 persone ogni anno e rappresenta la prima causa di disabilità, con costi annui per il Servizio sanitario nazionale di oltre 3,5 miliardi di euro.

Per farlo conoscere meglio ed aiutare la prevenzione è nata  Ictus 3R, nuova app gratuita per smartphone e pc, il cui scopo e’ combattere la malattia attraverso l’informazione.

App Ictus 3R

Il dispositivo è stato realizzato dall’Associazione Alice (Associazione per la lotta all’ictus cerebrale) nell’ambito del Progetto ”Ictus: Comunicazione & Innovazione” dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Sviluppata in seguito dalla MM Developer, l’applicazione si può scaricare dal sito di Ictus 3R, o semplicemente consultare da un qualsiasi computer.

I contenuti scientifici e divulgativi sono stati elaborati dai ricercatori dell’ Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (In-Cnr) e del Dipartimento Neurofarba dell’Universita’ di Firenze.

Le informazioni utili

Come spiegano i ricercatori Antonio Di Carlo e Marzia Baldereschi, la maggior parte degli ictus può essere evitato e comunque curato. Riconoscerlo e reagire tempestivamente può salvare la vita, così come adottare stili di vita adeguati.

“La bocca storta, un improvviso deficit di forza a un braccio o ad una gamba, l’improvvisa difficoltà a parlare o a comprendere il linguaggio, un improvviso e forte mal di testa sono possibili sintomi di esordio”, sottolineano. “Identificare questi primi segnali vuol dire essere in grado di comprendere una potenziale emergenza per la propria salute”.

La prevenzione

Con questa app è possibile inoltre calcolare il rischio di ictus rispondendo a un test che riguarda, per esempio, l’abituale pressione, le malattie avute, i farmaci che si prendono, il peso corporeo e le cattive abitudini, come il fumo e gli alcolici.

Con stili di vita idonei e controllando i diversi fattori di rischio, si può ridurre dell’80% la possibilità di sviluppare ictus.

Per questo Ictus 3R è uno strumento utile per tutti, giovani e meno giovani, che vogliono difendersi dalla malattia.