Home » DISABILITA' » Diversitalavoro, il lavoro che include

Diversitalavoro, il lavoro che include

diversitalavoro
diversitalavoro

Nuovi eventi per le opportunità e contro le discriminazioni

Le principali novità di Diversitalavoro verranno presentate nel corso di un incontro per la stampa intitolato Il lavoro che include ed in programma per venerdì 27 marzo dalle 10 alle 12 al Logotel di Milano (Via Giovanni Ventura, 15 – 2° Piano).

Sarà un’occasione per fare il bilancio del progetto promosso dal UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) del Dipartimento della Presidenza del Consiglio, insieme al Gruppo People, alla Fondazione Soliditas e alla Fondazione Adecco per le Pari Opportunità, allo scopo di favorire l’incontro delle persone con disabilità, degli stranieri in Italia e dei transgender con le aziende che offrono opportunità di lavoro e che intendono valutarne il possibile inserimento professionale.

Gli eventi in Italia

Diversitalavoro a questo scopo organizza ogni anno eventi aperti al pubblico tra Milano, Padova, Roma, Napoli e Catania, prepara conferenze di formazione professionale e mette a disposizione il proprio portale per la presentazione dei curricula da parte delle persone interessate.

E sono molte le aziende più o meno note che in questi anni hanno aderito alle diverse iniziative, offrendo concrete possibilità di lavoro alle persone che sono altrimenti a rischio di emarginazione nel mercato del lavoro.

Le aziende interessate

Nel corso della presentazione, vi sarà infatti il conferimento dei Premi Diversity&Inclusion Award per le aziende che si sono maggiormente distinte per avere inserito nel corso dell’ultimo anno le persone contattate grazie a Diversitalavoro.

Inoltre, in occasione dell’incontro, l’UNAR farà conoscere in anteprima i dati preoccupanti del 2014 sulle discriminazioni accertate nel mondo del lavoro in Italia, a dimostrazione che vi è ancora il bisogno di diffondere una cultura di impresa inclusiva per le diverse persone ed abilità.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito di Diversitalavoro o quello di Fondazione Soliditasper le denunce si può scrivere all‘ UNAR.

Disponibile anche su Facebook o su Twitter (#divlavoro15)