Home » NEWS » Noi diamo + senso, l' arte al Chiostro del Bramante

Noi diamo + senso, l' arte al Chiostro del Bramante

Noi diamo (+) senso

Noi diamo (+) senso

Continua la mostra dei tre artisti dalla Comunità di Sant’ Egidio

Raccontare storie personali, sogni e dolori attraverso le forme pittoriche, sintesi artistiche è l’obiettivo della mostra “Noi diamo+senso“ promossa dai Laboratori d’ arte della Comunità di Sant’ Egidio e ospitata nelle gallerie del Chiostro del Bramante fino al prossimo 19 luglio.

L’esposizione fa parte del progetto “I/O_IO è un altro” dell’ italo-brasiliano César Meneghetti, in cui gli artisti Giovanni Fenu, Annamaria Colapietro e Roberto Mizzon, usciti da istituzioni sanitarie e seguiti da artisti professionisti, hanno realizzato una mostra corale nell’ ambito del centenario dell’ apertura dell’ ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà a Roma.

Dopo il grande successo dell’ esposizione lo scorso autunno all’interno dell’ex manicomio, la mostra continua adesso nella galleria al centro della Capitale.

L’ arte per la liberazione interiore

La mostra vuole offrire ai tre artisti, ospitati nei Laboratori d’Arte della Comunità di Sant’Egidio,  la possibilità di esprimersi sulla solitudine, l’infelicità, ma anche la comunicatività e la gioia.

Attraverso le loro opere, i tre autori narrano una storia di liberazione e di riscatto che trova espressione nell’arte.

E proprio l’arte li ha salvati e liberati da quella prigionia interiore, come ha scritto Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’ Egidio, nell’introduzione del libro in cui è stato raccontato il progetto “I/O_IO è un altro”.

(Internet)

Noi diamo più senso

L’artista Meneghetti, in collaborazione con il video maker Antonio Trimani, attraverso video opere ha voluto esplorare quelli che sono i confini di ciò che è considerata “normalità“, dando una lettura critica delle narrazioni artistiche dei tre protagonisti, partendo proprio dal loro riscatto dall’ istituzione manicomiale.

Insieme agli artisti in questa nuova fase progettuale, hanno collaborato anche gli storici d’arte Alessandro Zuccari e Simonetta Lux.

È possibile visitare la mostra dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 20, mentre il sabato e la domenica sarà aperta fino alle 21.