Home » APPROFONDIMENTI » Mercato dei Saperi, per lo scambio delle competenze

Mercato dei Saperi, per lo scambio delle competenze

(Internet)

Il mercato-dei-saperi

Momenti di incontro tra giovani con sindrome di Down e persone anziane

Sono stati ben 950 gli scambi effettuati e 2.332 competenze scambiate nell’àmbito del Mercato dei Saperi, progetto nazionale dell’ AIPD (Associazione Italiana Persone Down), che ha potuto contare su quasi 500 iscritti tra persone con sindrome di Down e anziani.

Finanziata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’iniziativa ha coinvolto 12 Sezioni dell’AIPD (Bari, Belluno, Campobasso, Mantova, Marca Trevigiana, Matera, Milazzo, Potenza, Roma, Termini Imerese, Viterbo e Vulture), dove sono stati attivati dei contact point locali  chiamati Porte dei Saperi.

Uno scambio intergenerazionale

Idea centrale dell’iniziativa è stata la creazione di occasioni di incontro tra giovani con sindrome di Down e persone anziane, per uno scambio intergenerazionale che producesse percorsi e strumenti di conoscenza e crescita reciproca.

Lo scambio è avvenuto a livello locale, tra singoli e gruppi, tra gruppi, per insegnare attività di vita quotidiana, trasmettere saperi e ricevere in cambio ciò che è stato da loro stessi indicato nella Lista dei desideri.

Gli obiettivi sono stati l’acquisizione e il mantenimento da parte di giovani e adulti di abilità di autonomia personale e sociale, mentre per le persone anziane lo scopo è stato quello di ricevere servizi che hanno permesso loro di avere un sostegno nello svolgimento di attività quotidiane ed una maggiore partecipazione sociale.

In particolare, gli scambi più riusciti sono stati quelli in cucina, nell’insegnamento di ricette culinarie, seguiti da piccole commissioni fuori casa e da lavoretti a mano.

Anche sul web

Il progetto era dotato di diversi strumenti, come un sito internet dedicato, con informazioni sui luoghi in cui è attivo il Mercato dei Saperi, un database dove in tempo reale si incontrano domanda e offerta, una serie di schede nelle quali sono documentate e diffuse le competenze acquisite.

Le dodici Porte dei Saperi, create nelle varie sezioni coinvolte, si occuperanno della promozione del progetto, della selezione e formazione, dell’ organizzazione degli scambi.

Nella conferenza stampa finale del Mercato dei Saperi, che si è svolta il 16 giugno a Roma, la coordinatrice nazionale dell’AIPD Anna Contardi ha presentato i risultati del progetto, la testimonianza di alcuni protagonisti e di alcuni Vip  (Maurizio Costanzo e Catherine Spaak in video) e l’appello delle dodici città coinvolte, intitolato Perché il Mercato deve continuare.

www.facebook.com/mercatodeisaperi