Home » NEWS » L’economia com’è e come può cambiare

L’economia com’è e come può cambiare

L’economia com’è e come può cambiare

L’economia com’è e come può cambiare

Formazione di base sui temi dell’economia e delle politiche economiche e sociali.

Si svolgerà a Urbino dal 7 all’11 settembre la seconda edizione della Scuola estiva “L’economia com’è, e come può cambiare”, promossa dal Dipartimento di Economia, Società e Politica (DESP) dell’Università di Urbino in collaborazione con la campagna Sbilanciamoci!, la campagna per le alternative economiche di cui fanno parte 50 associazioni ambientaliste, della solidarietà e dei diritti tra cui anche la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) . Le iscrizioni sono aperte fino al 30 luglio.

La Scuola estiva “L’economia come è, e come può cambiare”  cercherà di offrire una formazione di base sui temi dell’economia e delle politiche economiche e sociali,  approfondendo le conoscenze sul sistema economico in Italia e in Europa, il welfare, il mercato del lavoro, la globalizzazione e l’attuale modello di sviluppo italiano e internazionale, offrendo spunti di riflessione sulle politiche e i cambiamenti che possono essere realizzati riflettendo in chiave critica sull’attuale quadro economico nazionale ed internazionale. Verranno approfondite le caratteristiche dei modelli economici esistenti, esaminati i problemi della crisi attuale e le prospettive di un nuovo modello di sviluppo sostenibile dal punto di vista ambientale, ad alto contenuto di conoscenza, ad alta intensità di occupazione, capace di assicurare l’integrazione sociale.

L’attuale crisi internazionale, i nodi dell’Europa e dell’euro, l’economia reale e la finanza, i processi innovativi e le strutture produttive, il mercato del lavoro, la disoccupazione e la precarietà, il welfare, la distribuzione del reddito e le disuguaglianze, saranno dunque i temi affrontati durante le cinque giornate di lavoro che alterneranno lezioni frontali a gruppi di lavoro tematici. Sullo sfondo la crisi della democrazia e della rappresentanza in Italia e in Europa, alla quale sarà dedicata la relazione di apertura.

La Scuola estiva è rivolta a giovani, studenti di tutte le facoltà, neolaureati, dottorandi e giovani studiosi, persone attive nelle associazioni, nel terzo settore e nella cooperazione, nei movimenti, nel sindacato, operatori sociali, della pubblica amministrazione, di enti locali e imprese.

La Scuola è articolata su cinque giornate didattiche, con inizio il lunedì pomeriggio del 7 settembre e termine nella giornata di venerdì 11. Ogni giornata è articolata in due parti. La mattina i docenti svolgeranno la lezione frontale a cui prendono parte tutti i partecipanti al corso. Sarà presentata una relazione articolata sul tema della giornata con l’ausilio di slide, fonti di dati, letture e con la partecipazione attiva degli studenti. Nel pomeriggio saranno tenuti due seminari di approfondimento tematico. Sarà possibile organizzare gruppi di lavoro per discutere i materiali forniti dai docenti e per sviluppare elaborazioni comuni. I materiali didattici della mattina e del pomeriggio saranno disponibili sul sito web della Scuola estiva.

SCARICA IL PROGRAMMA

TUTTE LE INFO