Home » APPROFONDIMENTI » Piazzabile: il portale dell’usato per le persone disabili

Piazzabile: il portale dell’usato per le persone disabili

Piazzabile.it, il primo portale italiano per comprare, vendere, scambiare o regalare quanto serve per disabilità, riabilitazione e assistenza anziani

Piazzabile.it, il primo portale italiano per comprare, vendere, scambiare o regalare quanto serve per disabilità, riabilitazione e assistenza anziani

“Condividere moltiplica le abilità”, questo lo slogan di Piazzabile.

L’idea è venuta a tre bergamaschi – Monica Gavazzeni, sua cugina Marzia Rossi, affetta da distrofia muscolare, e Marco Ribolla –che, per far sì che letti e poltrone motorizzati, rampe pieghevoli, deambulatori e sedie a ruote inutilizzate potessero tornare a nuova vita, hanno costituito anche l’omonima associazione. “Piazzabile.it funziona come un qualsiasi sito di annunci gratuiti: basta registrarsi per inserirli” spiega Monica Gavazzeni, 43 anni, di professione informatica, alla stampa . “Vogliamo diventare un punto di riferimento per la compravendita dell’usato legato a disabilità, non autosufficienza e riabilitazione: ci rivolgiamo solo ai privati e per ora non ospitiamo pubblicità”.

La piattaforma è molto semplice da navigare e utilizzare e cosa ancora più importante, si basa su inserzioni completamente gratuite, suddivise in sezioni chiare, con un motore di ricerca interno che permette di trovare subito quanto si cerca, con un’attenzione particolare a chi presenta importanti difficoltà di movimento (il portale è ottimizzato per tablet e smartphone così da risultare consultabile anche da chi fatica ad alzarsi per arrivare al computer).

L’idea è di tre bergamaschi, tra cui una ragazza con distrofia muscolare, che hanno dato vita a un’associazione e a un sito di compravendita ausili e cerco/offro lavoro

L’idea è di tre bergamaschi, tra cui una ragazza con distrofia muscolare, che hanno dato vita a un’associazione e a un sito di compravendita ausili e cerco/offro lavoro

Cosa si cerca, si vende, si scambia e … si regala?

Deambulatori, stampelle, sedie a rotelle, sedie montascale, misuratori di pressione  e tutto quanto possa rendere un po’ più facile la vita di chi si trova in stato di disabilità momentanea o permanente e di coloro che quotidianamente se ne prendono cura. È come un grande mercatino interattivo dell’usato, ma solo per tutto quello che può essere utile a una persona disabile, anziana o che si è rotta una gamba ed è possibile vendere, acquistare o perfino regalare carrozzine, sollevatori, materassi anti-decubito e altri ausili.

Sulla piattaforma web si trovano anche mezzi di trasporto, come scooter elettrici e veicoli adattati. Oltre a questa categoria (e a mobilità, sedute e allettamenti, strumenti e ausili, ortopedia, casa, sicurezza, sport e tempo libero, impiego, riabilitazione e terapia, animali, apprendimento e cultura, elettronica e computer), è possibile ricercare tutto quello che serve anche in base alla località di residenza. Inoltre, Piazzabile.it ospita numerose domande e offerte di lavoro come operatore socio assistenziale,badante ed interpreti della lingua dei segni,  a vari livelli e per tutte le possibilità economiche. Allo stesso modo chi non riesce a seguire a tempo pieno un parente in difficoltà può trovare una persona che risponda ai requisiti di disponibilità e professionalità richiesti.

Inserire o cercare un annuncio su www.piazzabile.it è del tutto gratuito e molto facile

Inserire o cercare un annuncio su Piazzabile.it è del tutto gratuito e molto facile

 Un’utilissima idea per un fine ancor più nobile

Questi tre ragazzi hanno le idee ben chiare. Tutto questo non nasce al fine di lucro però se mai dovessero arrivare dei guadagni il loro sogno nel cassetto è quello di acquistare, per poi donare ad altri enti o associazioni, attrezzature un po’ snobbate e di pubblica utilità come possono essere ad esempio le sedie a ruote da spiaggia. Piazzabile.it di fatto, non è un sito di e-commerce, in quanto i tre fondatori non vendono e non ci guadagnano nulla, ma piuttosto una bacheca per fare incontrare bisogni diversi: risparmiare sull’acquisto del nuovo e monetizzare le cose in buono stato che non servono più. “Nasciamo dall’idea che non conti solo il profitto e che sia possibile far circolare quello che può aiutare gli altri e magari giace inutilizzato in qualche scantinato”.

manifesto piazzabile