Home » APPROFONDIMENTI » L'agente Lisa, la Polizia su Facebook

L'agente Lisa, la Polizia su Facebook

La pagina Facebook dell' Agente Lisa

La pagina Facebook dell’ Agente Lisa

La Polizia di Stato che dà consigli e diffonde la propria opera su Facebook

Grande successo per la pagina Facebook denominata “l’Agente Lisa” che, per ogni post riceve centinaia di commenti e migliaia di like. Con un modo di comunicare simpatico e aperto, l’Agente Lisa dà consigli utili per tenere a distanza i criminali, anche informatici, racconta imprese ragguardevoli portate a termine dalla Polizia, ricorda leggi e procedure utili ai cittadini, e molto altro. L’interazione con gli utenti della pagina è molto intensa: l’ Agente Lisa non è come la maggior parte delle strutture governative che ignorano completamente le comunicazioni dei cittadini, risponde sempre a tutti, magari con tre parole, ma risponde. Probabilmente è anche per questo che la pagina Facebook è così seguita.

I post dell’ Agente Lisa

Per rendere l’idea, riportiamo alcune delle tematiche trattate recentemente sulla pagina Facebook dell’ Agente Lisa. C’è la storia del cane Pippi che ha servito per dieci anni la Polizia, riuscendo anche a scoprire pericolosi terroristi; c’è un curioso episodio di un emiro arabo fermato dalla Polizia mentre viaggiava in autostrada con una macchinetta da golf; c’è la storia di due ladri che a Rimini rubano una borsa, scappano in bici, ma incappano in un poliziotto, Isalbet Juarez, che è anche un noto campione dei 400 metri e che, correndo a piedi, li insegue e li acchiappa; la Polizia Stradale che fa salire sulla sua vettura un bimbo dominicano malato di tumore e appassionato di macchinine; l’episodio di due anziani fiorentini derubati da due ladri che si erano introdotti nel loro appartamento con un fare gentile, seguito da un “warning” generalizzato contro questo tipo di impostori. Insomma, l’ Agente Lisa ha una notevole capacità comunicativa e mediatica, ispira simpatia e riesce a trasmettere l’immagine di una Polizia efficiente e vigile scrupolosa della sicurezza delle persone, immagine che non sempre corrisponde alla realtà.