Home » APPROFONDIMENTI » IntendiMe, sicurezza per i sordi

IntendiMe, sicurezza per i sordi

(Internet)

Il progetto IntendiMe

Un dispositivo invia segnali visivi su smartphone o braccialetto

Per quelli che sono sordi e non possono sentire gli avvisi sonori importanti, è stato creato IntendiMeun dispositivo che avverte le persone con segnali visivi su smartphone.

Il progetto si basa su delle placchette, collocate sulle diverse fonti sonore, che quando recepiscono un segnale acustico avvisano l’utente attraverso messaggi via smartphone o tablet, con un codice ed un nome per riconoscere l’origine del segnale.

[jwplayer mediaid=”11199″]

Ma per quelli che non hanno molta dimestichezza con la tecnologia, verrà fatto vibrare un apposito braccialetto che viene adattato alla persona.

Si tratta di un progetto sicuro ed utile per tutti, anche per chi sta ascoltando la musica forte o la televisione, e può risultare utile anche come sistema di allarme.

Il progetto IntendiMe

Il progetto è nato all’Università di Cagliari da studenti universitari che hanno partecipato  a Contamination Lab Cagliari, un’iniziativa avviata nell’ateneo per promuove nuove idee di impresa e risolvere i problemi del quotidiano.

Si è formato così il team di IntendiMe, con Giorgia Ambu, (Economia), Antonio Pinese, (Informatica) e Alessandra Farris (Lettere), i cui genitori sono sordi.

Anche con il supporto degli esponenti dell’ Ente Nazionale Sordi (Ens) di Cagliari e di altre associazioni del mondo.

La nuova startup

Piazzatosi tra i finalisti all’ InnovAction Lab e Start Cup Sardegna 2015, il progetto ha passato la selezione per il  Programma TIM #Wcap, che punta a sostenere ed accelerare nuove imprese.

Attualmente il gruppo opera a Roma per perfezionare il modello, ancora in fase di sviluppo, e per sperimentare ulteriori funzioni.

IntendiMe ha partecipato recentemente alla rassegna Villa Ada Smart Camp, con lezioni e dimostrazioni in pubblico.

E’ stata anche attivata una campagna di crowdfunding, con l’obiettivo di raccogliere fondi per cominciare la produzione, si prevede la messa in vendita dell’apparecchio nel 2016.

Il gruppo sostiene anche la squadra della Nazionale italiana volley femminile sorde, protagonista di recente degli europei a Parigi e qualificata per le prossime Deaflympics del 2017.