Home » APPROFONDIMENTI » Scalevo, una sedia a ruote che fa le scale

Scalevo, una sedia a ruote che fa le scale

(Internet)

La sedia Scalevo

Progetto partito della Swiss Federal Institute of Technology (ETH).

Si sta mettendo a punto Scalevo, un modello di sedia a ruote che sia in grado di salire e scendere le scale, risolvendo così il problema persistente delle barriere architettoniche presenti ancora in numerose strutture pubbliche e private.

Il progetto Scalevo nasce dall’idea di un gruppo di 10 studenti che studiano Ingegneria meccanica presso la Swiss Federal Institute of Technology (ETH) a Zurigo e Industrial Design presso la Zurich University of the Arts.

L’obiettivo è quello  di costruire una carrozzina elettrica che possa montare le scale grazie ad un sistema simile a quello del Segway, ossia in equilibrio sulle due ruote principali.

Un cingolato sotto la carrozzina

I gradini possono essere affrontati ad uno ad uno grazie a due cingoli speciali in gomma, montati sotto la parte inferiore della sedia.

La carrozzina vanta al momento diversi prototipi già testati da persone disabili, con modello semplice e velocità limitata dal software per motivi di sicurezza, con passaggi manuali ma in via di automazione.

[jwplayer mediaid=”11265″]

Il cingolato sottostante, dotato di motori Maxon, è in grado di salire facilmente le scale sostenendo facilmente fino ad una portata di 160 kg.
E’ stato creato anche un prototipo per testare i sensori, gli effetti della tensione della catena sui sistemi di controllo  e i motori in tempo reale. Le sezioni del modello sono fatte made out di assi di legno  tagliate con un laser 2 D.

Le dimostrazioni e l’utilizzo

Il progetto Scalevo è nato nel 2014, ma vanta già diversi risultati positivi, documentati anche da diversi test effettuati in diretta televisiva in Svizzera ed oltre.

Il sistema è stato selezionato per competere al Cybathlon di Zurigo del 2016, una competizione per piloti con disabilità che sono assistiti da tecnologie robotiche.

Attualmente è sostenuto da Systems Lab autonomi e da alcuni sponsor, ma dal momento che il budget è limitato per i diversi progetti, si cerca il sostegno anche da altre aziende, tecnico e finanziario e per la commercializzazione.