Home » APPROFONDIMENTI » Gran Bretagna, disabilità intellettive e psicofarmaci

Gran Bretagna, disabilità intellettive e psicofarmaci

Record di prescrizioni di psicofarmaci ed antipsicotici in Gran Bretagna

Record di prescrizioni di psicofarmaci ed antipsicotici in Gran Bretagna

Ad un gran numero di persone con disabilità intellettiva in Gran Bretagna, sono state impropriamente prescritti nel corso degli ultimi quindici anni farmaci antipsicotici.

Una  ricerca dell’UCL di Londra, durata circa 15 anni, ha fatto venire alla luce la superficialità con la quale i medici inglesi prescrivono potenti psicofarmaci a persone con leggere disabilità intellettive, lievi ritardi mentali e problemi di apprendimento, malati di  Alzheimer e autismo.

La disabilità intellettiva è una condizione permanente, che inizia prima dei 18 anni ed è caratterizzata da limitazioni del funzionamento intellettuale (generalmente indicati da un QI inferiore a 70) e le difficoltà con competenze di una o più di vita. Circa l’1% della popolazione britannica ha una disabilità intellettiva.

Utilizzando i dati del medico di famiglia, lo studio ha evidenziato che su un campione di 33,016 adulti britannici anonimi con disabilità intellettiva, tra il 1999 e il 2013, a più di un quarto era stato prescritto farmaci antipsicotici, di cui il solo il 71% aveva traccia della grave malattia mentale.

I farmaci antipsicotici sono progettati per trattare gravi malattie mentali come la schizofrenia. Ci sono poche prove che attestino l’effettivo aiuto a risolvere i problemi comportamentali non strettamente legati alla malattia mentale stessa, in persone con disabilità intellettiva. Nonostante ciò, lo studio ha rilevato che gli antipsicotici sono stati spesso prescritti per le persone con problemi di comportamento che non avevano una storia di grave malattia mentale.

I più comuni problemi di comportamento che possono essere visti in persone con disabilità intellettiva includono l’aggressività, autolesionismo, la distruzione di proprietà e di altri comportamenti al di fuori delle norme sociali.

Le persone con disabilità intellettiva che avevano anche autismo o demenza sono stati anche più soggette a ricevere un antipsicotico, così come lo sono state le persone anziane.

“Il numero di persone con disabilità intellettiva, alle quali sono stati prescritti antipsicotici,  è fortemente sproporzionato rispetto al numero di diagnosi di grave malattia mentale sul campione analizzato.”, – spiega il dottor Rory Sheehan, autore della ricerca (UCL Psichiatria). “Le persone che mostrano comportamenti problematici, insieme con le persone anziane con disabilità intellettiva o quelli con autismo coesistenti o demenza, hanno avuto significativamente più probabilità di ricevere la prescrizione di un farmaco antipsicotico, nonostante questo possa essere contro le linee guida cliniche e rischiando quindi anche  possibili danni.”

Tuttavia, ad onor del vero, lo studio ha anche riscontrato che il tasso di prescrizione di farmaci antipsicotici per le persone con disabilità intellettiva era andato diminuendo  poco a poco, ma costantemente nel corso degli ultimi 15 anni, e ciò indica che pian piano sono subentrate terapie alternative .

Sono state prescritte anche altre classi di farmaci per trattare la malattia mentale per le persone con disabilità intellettiva. Farmaci usati per trattare l’ansia sono stati tra i più prescritti, seguiti dagli antidepressivi. Come il gruppo di antipsicotici, entrambi questi tipi di medicinali, sono stati dati ad una percentuale di persone notevolmente superiore a quelli che presentavano disordini mentali conclamati. Questo suggerisce inevitabilmente che questi farmaci potrebbero anche essere stati  prescritti impropriamente in alcuni casi. I ricercatori hanno prestato particolare attenzione ad indagare sull’uso di antipsicotici a causa del loro rischio di gravi effetti collaterali.

Effetti collaterali dei farmaci antipsicotici includono sedazione, aumento di peso, alterazioni metaboliche che in ultima analisi può portare al diabete e problemi di movimento, come irrequietezza, rigidità e tremori.

“Gli effetti collaterali possono essere gestiti, ma i rischi e i benefici devono essere attentamente considerati prima di prescrivere farmaci antipsicotici a persone senza grave malattia mentale,” dice il dottor Sheehan durante un intervista con la stampa inglese. ” Molte persone con disabilità intellettiva e con problemi comportamentali hanno esigenze complesse e bisogno di altre modalità di  intervento. Antipsicotici, o addirittura tutti i farmaci, non dovrebbero essere prescritti con leggerezza e non possono sostituire la cura completa “.