Home » APPROFONDIMENTI » SafeSurfing, navigare sicuri nel web

SafeSurfing, navigare sicuri nel web

(internet)

Progetto SafeSurfing

Un progetto per le persone con disabilità intellettiva e/o relazionale

Le persone con disabilità intellettiva e/o relazionale sono le più esposte ai rischi ed abusi legati ad internet e ai social network, come furto di identità, cyber crimini e cyber bullismo.

Anche per questo, nel dicembre 2014 l’ Unione Europea ha prodotto il progetto SafeSurfing, una serie di video educativi per formare le persone sulla protezione dei dati sul web e per far crescere la loro consapevolezza.

Coordinato da Inclusion Europe, i quattro Paesi coinvolti (Italia, Polonia, Inghilterra e Spagna) hanno ora realizzato dei video-tutorial, pubblicati sul sito di SafeSurfing.

I video realizzati

Ogni Paese, rappresentato da un’ associazione del settore, ha lavorato su un tema specifico. L’Italia, che partecipa con Anffas – Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, si è concentrata sulle opportunità e i pericoli dei dispositivi mobili.

Le persone con disabilità intellettive hanno partecipato in prima persona al progetto, sia aiutando ad individuare i contenuti da affrontare, sia recitando nel video stesso.

Il video realizzato da Anffas vede Marco, un giovane con il suo nuovo smartphone, che grazie ai consigli della sua amica Rosa spiega quali attenzioni avere per condividere i dati e scaricare le app.

[jwplayer mediaid=”11975″]

Sostenere le persone con disabilità intellettiva nell’uso sicuro del web può avere un enorme impatto sul loro livello di indipendenza, sul loro benessere e sul loro senso di appartenenza alla società, spiega Roberto Speziale, presidente di Anffas.

Ma SafeSurfing non prevede solo i video: da questi filmati saranno poi sviluppati dei seminari web, dedicati alle stesse tematiche, con cui si raggiungeranno le persone con disabilità intellettiva.

Diverso materiale informativo

Inoltre, migliaia di altre persone potranno usufruire dei materiali informativi (cinque video tradotti nelle cinque lingue del progetto) che le associazioni partner hanno prodotto per il progetto.

Progetto e video saranno presentati durante la fiera ICT 2015, “Innovate, Connect, Transform”, che si terrà a Lisbona dal 20 al 22 ottobre.

Si può seguire il progetto anche attraverso l’hastagh #safesurfing