Home » APPROFONDIMENTI » Lo Psicologo ed il paziente diabetico: un’importante alleanza

Lo Psicologo ed il paziente diabetico: un’importante alleanza

 

supporto psicologico pazienti diabetici

Lo Psicologo entra nel team dei centri di cura diabetologici della Regione Lazio

Lo Psicologo entra nel team dei centri di cura diabetologici della Regione Lazio

Il 14 dicembre 2015 è stato approvato il “Piano per la malattia diabetica nella Regione Lazio 2016-2018“. Grazie anche al contributo dell’Ordine degli Psicologi del Lazio,  lo Psicologo e’ stato inserito in tutti i team dei centri per il diabete del Lazio.

Il valore aggiunto previsto da tale Piano è quello di una gestione integrata del paziente diabetico e della sua famiglia per garantire l’efficacia delle cure, partendo dall’accettazione (compliance) e  dall’aderenza (adherence) alle stesse.
Il termine compliance significa: “accettazione ed osservanza del paziente di seguire le prescrizioni date dal medico”. Con il termine adherence si intende: “il livello di coincidenza tra il comportamento del paziente (assuzione dei farmaci, la dieta e lo stile di vita assunto), ed indicazioni date.

Quale è il ruolo specifico dello Psicologo nei Centri diabetologici della Regione Lazio?

Lo Psicologo all’interno del team multidisciplinare (medici di medicina generale, medici specialisti, podologi, infermieri, dietisti ed educatori), è coinvolto in tutte le fasi di adattamento (compliance ed adherence), del paziente diabetico, dalla comunicazione della diagnosi al trattamento terapeutico/farmacologico della stessa per supportare il paziente e favorire la sua adesione al percorso terapeutico.
Lo Psicologo interviene sia con il paziente che con la sua famiglia, considerando le diverse fasi del cliclo di vita in cui la malattia può manifestarsi: infanzia, età giovanile ed età adulta, con attenzione alla gestione della malattia durante la gravidanza.

Favorire l’aderenza terapeutica nel paziente diabetico è di fondamentale importanza al fine di evitare ed anzi, poter prevenire, condizioni di complicanza o di insorgenza di ulteriori patologie aggiuntive (comorbilita’).

Il ruolo dello Psicologo, nelle suddette situazioni, è quello di offrire un sostegno psicologico sia al paziente, sia ai suoi caregivers/familiari.

L’intervento di un team multidisciplinare per il paziente diabetico concorre a diversi obiettivi, fra i quali:

– conoscenza e consapevolezza della malatti;

– miglioramento nella capacità di auto-cura (empowerment personale);

– miglioramento della qualità della vita.

Il dettaglio del Piano per la malattia diabetica, con l’articolo dell’Ordine degli Psicologi del Lazio: “Lo Psicologo entra nella gestione delle persone con diabete in Regione Lazio“.