Home » APPROFONDIMENTI » Le startup italiane e l’ Europa

Le startup italiane e l’ Europa

European Social innovation

European Social innovation

Vi sono programmi speciali che aiutano i progetti nello sviluppo

Le startup innovative italiane e l’ Europa sono sempre strettamente connesse, grazie a programmi speciali che le aiutano nello sviluppo.

Tra questi Impact Accelerator, un progetto della Commissione Europea per accelerare le startup europee focalizzate sul Mobile Internet e aiutarle nella ricerca e raccolta di fondi ed investimenti

Per quanto riguarda la terza call, vi sono ben cinque progetti italiani tra i diciotto vincitori su quasi mille concorrenti, che ricevono un finanziamento di 100 mila euro ed un programma di sei mesi di mentoring (consulenza) e training con esperti e imprenditori del continente.

Questi i premiati da Impact Accelerator

Antlos è un portale che mette in contatto skipper professionisti con i turisti che vogliono fare un viaggio in mare aperto nelle località del Mediterraneo.

eVeryride mette insieme tutte le soluzioni si carsharing e bikesharing e le mappe di Milano, Roma, Firenze e Torino, visualizzando le vetture a disposizione dell’utente, le distanze e il costo dei veicoli.

Last Minute sotto casa è un portale che consente ai negozi con prodotti alimentari in eccedenza o scadenza, di informare con un sms i cittadini che vivono o lavorano in zona, che possono andare a comperare il prodotto scontato.

Lectios consente di leggere durante la guida,  scegliendo un articolo od post di un blog e sentendo la traduzione vocale in sistema Tts (text to speech) tramite gli auricolari.

What a Space mette in connessione chi ha uno spazio disponibile e chi lo cerca per organizzare un evento o aprire un temporary shop, con centinaia di annunci e richieste gratuite.

L’ European social innovation

A fine novembre sono stati decisi i vincitori dell’ European social innovation 2015 che verteva sul tema  “nuovi percorsi di crescita” in campo tipo sociale e ambientale, beneficiari di un premio di cinquantamila euro.

Tra i finalisti di quest’anno vi sono stati quattro startup italiane:

Il già citato Last Minute sotto casaper segnalare prodotti alimentari in eccedenza; Co-Care New Domiciliary CareWebsite per trovare l’assistenza a casa per le persone anziani o fragili; CommHome: Acting together to solve common issues! per poter realizzare un cohousing e servizi comuni per le persone; Horus technology, per facilitare la comunicazione dei non vedenti.

I vincitori sono stati Apiform dalla Bosnia Erzegovina per una apicoltura accessibile per le persone disabili in questa attività; The Freebird Club dall’Irlanda con una piattaforma per la ricerca di case vacanza per anziani per vacanze sociali. Wheeliz è un progetto francese in grado di connettere proprietari di auto idonee al trasporto disabili con le persone.

Erasmus for Young entrepreneurs

Infine, Erasmus for Young entrepreneurs è il programma europeo finalizzato allo svolgimento di tirocini lavorativi presso un’azienda europea per giovani imprenditori.

Uno scambio utile per arricchirsi professionalmente ed umanamente imparare nuovi metodi da importare ed applicare nelle loro attività imprenditoriali.