Home » APPROFONDIMENTI » Un ufficio contro la discriminazione delle persone disabili

Un ufficio contro la discriminazione delle persone disabili

(Internet)

L’ Anmic in Italia

L’ Anmic effettuerà azioni di supporto legale ai danneggiati

L’ Anmic, Associazione nazionale mutilati e invalidi civili, ha istituito presso la sede nazionale un Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione della discriminazione delle persone con disabilità.

Il suo scopo è quello di offrire un sostegno alle persone eventualmente danneggiate e di divulgare gli strumenti di tutela giuridica esistenti.

L’ Ufficio inoltre dovrà elaborare proposte di intervento ed azioni per l’ assistenza legale a supporto alle vittime di comportamenti discriminatori, fornendo loro assistenza nei procedimenti intrapresi sia in sede amministrativa che giurisdizionale.

Le attività di intervento

Ciò avverrà anche attraverso l’azione dedicata di un Contact center, che raccoglierà le segnalazioni e predisporrà le azioni necessarie giudiziarie, in accordo con le altre strutture associative e degli Organi centrali Anmic, per la tutela giudiziaria delle persone con disabilità.

Saranno promossi studi, ricerche, corsi di formazione e scambi di esperienze, in collaborazione anche con le associazioni e le organizzazioni non governative che operano nel settore, anche al fine di elaborare delle linee guida o dei codici di condotta nel settore della lotta alle discriminazioni.

Ad esempio, per la lotta alle molte  barriere fisiche, comportamentali e ambientali che limitano la libertà delle persone con disabilità, vi sarà l’impegno a denunciare gli enti locali, quando non erogano o disattendono parzialmente i servizi essenziali per le persone.

Per gli Enti locali

L’Anmic accoglie con favore la riforma del codice degli appalti che vieta di fatto il criterio del massimo ribasso come requisito vincolante nei bandi pubblici anche relativi all’affidamento della gestione di servizi alle persone disabili o anziane.

Ed auspica un diretto coinvolgimento delle associazioni di categoria nelle procedure di assegnazione e in quelle di controllo relative ai servizi.

Infine l’Anmic si mette a disposizione degli enti e delle cooperative di servizi per la formazione e informazione del personale destinato ad operare con le fasce deboli.

Propone l’avvio di iniziative di sensibilizzazione e informazione nelle scuole ed Asl ad opera delle associazioni di categoria e per i giovani coinvolti in atti di bullismo o violenza sui soggetti disagiati.

Per maggiori informazioni, info@anmic.itanmic@anmic-italia.org