Home » APPROFONDIMENTI » La dislessia ed il posto di lavoro

La dislessia ed il posto di lavoro

(Internet)

Dsa progress for work

Dsa progress for work è un progetto per aiutare persone in difficoltà

La dislessia è un disturbo dell’apprendimento che può rendere difficile lo svolgere in modo fluido le operazioni mentali che sono coinvolte nella lettura e nel calcolo.

Dal momento che può creare problemi  nella vita lavorativa, la Fondazione italiana per la dislessia (Fid), ha ideato il progetto Dsa progress for work che si propone di creare un ambiente lavorativo favorevole in tal senso.

Si tratta di un percorso scientifico, realizzato in collaborazione con le università di Modena e di Reggio Emilia, che vuole realizzare una doppia e positiva situazione di reciproco interesse.

Strumenti per aziende e lavoratori 

Da una parte istituire un percorso di validazione scientifica al termine del quale individuare un insieme di buone prassi, metodologie e strumenti tali da consentire alle aziende, anche in presenza di difficoltà specifiche come la dislessia, di poter valutare in modo appropriato e con cognizione di causa le capacità e il talento di un candidato dislessico.

Nello stesso tempo fornire ai dislessici adulti gli strumenti necessari per approcciare e affrontare serenamente le fasi di ricerca e selezione, l’inserimento lavorativo e la crescita professionale, minimizzando la fatica e i disagi che i Disturbi dell’Apprendimento comportano.

Queste due azioni vogliono favorire l’ inserimento e la valorizzazione nel mondo lavorativo dei lavoratori con dislessia.

[jwplayer mediaid=”15875″] 

Formazione del personale

Dsa progress for work vuole agire sul problema attraverso la formazione delle aziende, alle quali la Fid fornirà gli strumenti adeguati per supportare i lavoratori con questi problemi.

Secondo i realizzatori, infatti, aiutare ed integrare le persone con dislessia comporta per le aziende un guadagno di produttività piuttosto che un costo.

La prima azienda ad aderire al progetto è stata la Ibm Micron, il cui personale verrà ora formato dallo staff della Fondazione a riconoscere e valorizzare i punti di forza delle persone con determinate linee guida.