Home » APPROFONDIMENTI » Un laboratorio di pelletteria per i disabili

Un laboratorio di pelletteria per i disabili

(Internet)

Il laboratorio artigianale de Il Colibrì

Un’attività  artigianale portata avanti a Fiumicino dall’associazione Il Colibrì 

L’associazione Il Colibrì è un associazione di Fiumicino (Roma) che riunisce  e sostiene ragazzi diversamente abili e le loro famiglie.

Per aiutare i propri ragazzi ad avere un lavoro ed un progetto, da sei mesi ha realizzato un laboratorio artigianale di pelletteria ed altri materiali.

Si tratta di prodotti fatti  interamente fatti a mano, con la fattiva collaborazione delle persone che frequentano l’associazione.

Per il lavoro e l’ autonomia

Il progetto nasce dalle esigenze di garantire un futuro nel mondo del lavoro, dando un valore alle proprie attività ed aumentando così anche l’autostima e la capacità di autonomia.

Anche se la motivazione è essenzialmente mirata allo sviluppo e alla crescita individuale con la conquista di maggior autonomie relazionali, manuali ed economiche.

Il progetto mira anche a sviluppare la creatività individuale e a favorire un’ integrazione sociale tra i ragazzi disabili e quelli normodotati, per la costruzione di rapporti e relazioni basati sull’attività svolta insieme che si prefigge di superare barriere culturali ancora esistenti.

Alla ricerca di strutture più idonee

I lavori finiti vengono proposti al pubblico partecipando a fiere e mercatini, il ricavato viene reinvestito per le spese dei materiali e per i compensi dei ragazzi dell’associazione.

Il loro obiettivo futuro è quello di potersi trasformare in una cooperativa sociale per poter ospitare il maggior numero di persone e poter offrire una seria opportunità di lavoro.

Per il momento l’attività di produzione de Il Colibrì si appoggia per una volta a settimana in una sala parrocchiale del suo territorio.

Ma nei prossimi giorni vi sarà l’inaugurazione del loro laboratorio artigianale, che avverrà il 7 maggio alle ore 17 in via Berlinguer 18 a Fiumicino.

E successivamente l’associazione cercherà uno spazio maggiore per poter operare in uno spazio più idoneo, anche in qualche struttura disponibile negli altri municipi di Roma.