Home » APPROFONDIMENTI » my A-ha, per l’invecchiamento sano

my A-ha, per l’invecchiamento sano

(Internet)

my A-ha

Un progetto di ricerca dell’ Università di Torino ed altri partner 

Il progetto my A-ha  (My active and healthy ageing), è frutto di un gruppo internazionale di ricerca, guidato dall’ Università di Torino, per trovare soluzioni innovative per l’ invecchiamento sano.

Grazie al finanziamento europeo Horizon 2020, una squadra composta da ben 16 gruppi di ricerca e diverse aziende hi-tech sperimenterà una piattaforma ICT  in grado di rilevare i rischi quotidiani attraverso sensori incorporati.

L’obiettivo principale di my A-ha è quello di ridurre le fragilità, migliorando l’attività fisica e la funzione cognitiva, stato psicologico, risorse sociali, la nutrizione, il sonno e il benessere generale.

Programmi di tele-rilevazione

Sotto il coordinamento del Nit, il Centro interdipartimentale di Neuroscienze dell’Università di Torino, nei prossimi mesi saranno sperimentati speciali programmi di teleassistenza e telerilevazione.

Per questo sono alla ricerca di 600 soggetti volontari, con più di 55 anni e viventi nei nove paesi interessati dalla ricerca (Austria, Belgio, Germania, Italia, Regno Unito, Spagna, Svezia, Australia, Corea del Sud, Giappone).

I ricercatori di my A-ha faranno utilizzare ai volntari alcuni ausili tecnologici da indossare, come gli occhiali JINS MEME, un contapassi, un saturimetro e un pulsimetro.

E nello stesso tempo chiederanno l’installazione nelle proprie abitazioni di alcuni sensori, come una piattaforma TV (Kinect) e un sensore del sonno (Beddit) per rilevare lo stile e i parametri di vita.

Per la misurazione dei parametri di vita

Nel caso che i dati analizzati riscontrassero un rischio per la salute per gli anziani, gli esperti di my-AHA forniranno interventi mirati, esercizi fisici e cognitivi, programmi nutrizionali ad hoc.

Lo scopo è quello di ottenere un cambiamento nel comportamento a lungo termine e di abbandonare abitudini negative, che si possano presto tradurre in costi ingenti per l’assistenza sanitaria.

Chi volesse candidarsi In Italia può scrivere ai responsabili del progetto:  innocenzo.rainero@unito.it

Per altre informazioni: myaha.project@gmail.comwww.activeageing.unito.it/