Home » APPROFONDIMENTI » Atelier Acanthus, la sartoria sociale di Astrolabio

Atelier Acanthus, la sartoria sociale di Astrolabio

Acanthus, il laboratorio di sartoria della cooperativa Astrolabio

Acanthus, il laboratorio di sartoria della cooperativa Astrolabio

Un progetto d’integrazione sociale e avviamento al lavoro attraverso la moda

Anche la moda può essere uno strumento d’integrazione che crea lavoro. Lo ha sperimentato a Latina la cooperativa sociale Astrolabio che da tre anni, attraverso una convenzione con la Prefettura del capoluogo pontino, è impegnata nell’accoglienza e nell’integrazione  di migranti. Da questa esperienza sono nati diversi progetti, soprattutto al femminile, per l’integrazione sociale e l’avviamento al lavoro che hanno portato alla nascita della sartoria sociale Atelier Acanthus. In questo laboratorio d’integrazione e di lavoro, inaugurato lo scorso 7 luglio in viale XXI aprile nel centro di Latina, le donne accolte nel corso di questi anni da Astrolabio realizzeranno le loro creazioni sartoriali.
“È un progetto meraviglioso – precisa Anna Vettigli, referente delle cooperative sociali di Legacoop Lazio che ha partecipato all’inaugurazione di questo spazio – non solo per la componente valoriale e sociale dell’iniziativa. I lavori di queste donne sono davvero di alta qualità, un mix perfetto tra il miglior artigianato Made in Italy e tradizioni manifatturiere provenienti da culture lontane.”
Il percorso che ha portato all’apertura dell’Atelier Acanthus non è casuale. Infatti molte delle donne coinvolte nel progetto nei propri paesi di origine avevano esperienza nel settore. Dal ricamo alla tessitura, alla  sartoria, un patrimonio di attività manuali manuali che possono essere messe all’opera per creare opportunità di lavoro per le migranti, mettendo insieme il passato e di il presente per creare la possibilità d’integrarsi attivamente nella nostra società. 

“Vogliamo fare in modo che l’Atelier Acanthus diventi una piccola cooperativa sociale, questo è l’obiettivo che ci siamo prefissati. – conclude il presidente della cooperativa sociale Astrolabio, Pio Maria Federici – Intanto le ragazze ce la stanno mettendo tutta, impegnandosi quotidianamente con passione e tenacia.”

La gamma di prodotti in cantiere è ampia e va dalle borse di pelle agli abiti, dai set di asciugamani e lenzuola alle creazioni floreali, il tutto attraverso l’utilizzo di materiali selezionati. Altre attività della sartoria sociale, inoltre, saranno le piccole piccole riparazioni e la stiratura di abiti e di biancheria.

Salva

Salva

Salva

Salva