Home » APPROFONDIMENTI » L’app tutta italiana che fa dormire meglio

L’app tutta italiana che fa dormire meglio

Un app per dormire meglio

L’app che fa dormire meglio è nata ed è italiana. La nostra testata, che dedica ampio spazio ai tempi dell’innovazione sociale, scrive spesso di tutto ciò che ruota attorno alle app. Sleep Better, questo il nome della neonata app di cui abbiamo letto sul sito Key4biz,  monitora il sonno dall’inizio alla fine, ti permette di individuare le abitudini che hanno effetti negativi sul riposo. Quando si parla di buon sonno e buon riposo, le opinioni si dividono: c’è chi non ne ha mai abbastanza e vorrebbe rimandare la sveglia, e chi fatica a dormire d’abitudine per poi alzarsi al mattino più stanco di prima. Sempre più persone oggi dormono poco e male, e questo ha effetti negativi sull’umore e l’energia, nella vita lavorativa e relazionale. Quali sono le soluzioni più adottate? Tra capsule e gocce, valeriana e melatonina, i soliti rimedi sono sempre più diffusi. Non tutti utilizzano il tempo o, per la precisione, le fasi del sonno. Dal momento in cui si va a dormire al momento in cui ci si sveglia, infatti, il nostro sonno alterna fasi diverse, e svegliarsi durante una o un’altra non è affatto la stessa cosa.

Le varie funzioni dell’App

Le funzioni di questa nuova app sono molte. Sleep Better monitora il sonno dall’inizio alla fine, registrandone l’andamento completo: quanto tempo si è dormito profondamente, quanto con sonno leggero, e quanto si è stati svegli – in ore e in percentuale.  Non solo, l’app permette di individuare le abitudini che hanno effetti negativi sul  sonno tra una serie di cause comuni: attività fisica, stress, dormire in un letto che non è il proprio, aver cenato tardi, aver bevuto molti caffè, o qualche bicchiere di vino di troppo. Selezionarne uno o più prima di dormire e osservare la qualità del sonno al risveglio, nel tempo ti permette di individuare cosa fa dormire male e cosa, al contrario, potrebbe essere una non-causa. E’ anche possibile prendere nota dei sogni per vedere in che modo sono collegati alla qualità del sonno. Il funzionamento è il seguente. Basta impostare l’orario di sveglia prima di mettere il telefono sotto il cuscino, preferibilmente in modalità aereo. Il mattino seguente, Sleep Better suonerà quando è meglio per l’utilizzatore, all’interno di un intervallo che va dall’orario impostato a 30 minuti prima. Quello che fa è semplice ma efficace: evita le fasi di sonno profondo e sceglie invece quelle di veglia, i momenti migliori per svegliarsi. Nonostante sia già ottima nella versione light, la versione pro è ancora più completa. Ad esempio, permette di modificare l’intervallo di risveglio. L’app è disponibile per iOS e Android a questo link