Roma invisibile: un convegno per il futuro della capitale

Valorizzare le risorse agricole, salvaguardare il territorio, fare emergere le realtà sommerse

Roma invisibile è il titolo evocativo del convegno che si terrà martedì 6 dicembre, dalle 15 e 30 alle 18, presso la Sala “Laudato si” del Palazzo Senatorio in Campidoglio.

L’incontro è promosso dalla rete RomAgricola in collaborazione con Culturasì, Flai e Spi Cgil, Consorzio Sociale Coin, Cooperativa Sociale Agricoltura Nuova, Sapienza Università di Roma e Università Roma Tre, è realizzato con il contributo di Arsial Regione Lazio

Obiettivo del convegno Roma Invisibile è ripensare la Capitale a partire dalle tante risorse e realtà che nasconde, in particolare dal dato di fatto che Roma è la più grande città agricola d’Europa per estensione di terreno coltivato e coltivabile nel suo territorio.

Roma invisibile a partire dal prossimo febbraio è anche una mostra al Macro di Testaccio

L’evento Roma Invisibile è, inoltre, l’occasione per lanciare una omonima mostra/cantiere sul futuro sostenibile della Città Eterna che aprirà i battenti, presso gli spazi di Macro Testaccio al Mattatoio, a fine febbraio 2023 e sarà animata da convegni ed iniziative su questo tema grazie al coinvolgimento di numerose associazioni e realtà del territorio.

3 dicembre 2022, Giornata Internazionale delle Nazioni Unite dei diritti delle persone con disabilità: a Grottaferrata il convegno 'Lazio, Turismo per Tutti - Senza Barriere: verso una Mappa dei percorsi accessibili' clicca sul banner per scoprire di più!

Una caratteristica, quella della natura agricola della città, che gioca un ruolo importante in termini di potenziale sviluppo in un’epoca in cui, per i cambiamenti climatici, è necessario ripensare tessuti urbani e stili di vita in termini di sostenibilità dell’impatto ambientale.

Questo, soprattutto, in un momento in cui, al netto dei rischi cui ci espone la crisi climatica, dopo la pandemia e con la guerra alle porte d’Europa, è tornato centrale nel dibattito politico ed economico il tema della sovranità alimentare in tutte le sue declinazioni.

Del resto, dopo decenni di cementificazione e speculazione su territorio – solo nel 2021 a Roma sono stati “consumati” oltre 105 ettari di terreno, pari a 150 campi da calcio – che ha sfilacciato il rapporto non solo tra il centro della città e le sue periferie, ma anche con l’agro Romano, è possibile e necessario ripensare l’urbanizzazione e lo sviluppo della Capitale, dove l’industria non ha mai attecchito e il terziario la fa da padrone, sulla base di questa vocazione “verde” e agricola.

Il panel di Roma invisibile

Il dibattito verrà introdotto dal portavoce di RomAgricola Matteo Amati con un intervento proprio su “Roma Capitale agricola d’Europa”. A seguire, l’urbanista Carlo Cellamare toccherà il tema del “Ripensare le periferie romane a partire dal protagonismo sociale e dall’importante ruolo metropolitano“, Mario Ciarla, Presidente di Arsial Regione Lazio interverrà sul “Ruolo della Regione nello sviluppo dell’agricoltura Ecosostenibile” e Fabio Ciconte, Direttore di Terra!, farà il punto su “L’agricoltura alla prova della crisi climatica“.

Quindi, l’urbanista Vezio De Lucia ripercorrerà l’evoluzione città di Roma “A 70 anni dal Prg del 1962“, mentre l’architetto Albert Levy si concentrerà sul ruolo dell'”Agricoltura nella città di domani: transizione agroecologica e transizione alimentare“.

Di “Un approccio territorialista per un patto città-campagna” si occuperà invece l’architetto pianificatore territoriale Alberto Magnaghi, seguito da Carlo Patacconi, Presidente della Cooperativa Sociale Agricoltura Nuova che farà il punto sul “Ruolo delle Aziende Agricole e delle Fattorie Sociali per Migliorare la qualità della vita di Roma” e da Alessandra Valentinelli, storica e Urbanista, con un approfondimento su “le valutazioni ambientali della Campagna Romana“.

Maurizio Veloccia, Assessore all’Urbanistica di Roma Capitale, infine, si occuperà di “Quali proposte per bloccare il consumo di suolo“.

 

Save the date

Roma invisibile

Valorizzare le risorse agricole, salvaguardare il territorio, fare emergere le realtà sommerse

Martedì 6 dicembre 2022 – dalle ore 15,30 alle ore 18,00
Campidoglio, Palazzo Senatorio, Sala “Laudato si”, Piazza del Campidoglio, Roma

Per raggiungere la sede l’evento: mappa