Home » APPROFONDIMENTI » Settimana della sclerosi multipla

Settimana della sclerosi multipla

Sclerosi multipla

Sclerosi multipla

I numeri della malattia

Sono circa 3 milioni persone con sclerosi multipla nel mondo. 600.000 in Europa e 72.000 in Italia. Duemila sono i nuovi casi ogni anno. Le persone colpite hanno un’età tra i 20 e i 40 anni e sono per lo più donne.Dal 24 maggio al 1 giugno 2014 sull’intero territorio nazionale si svolgerà la Settimana nazionale della Sclerosi multipla promossa dall’Associazione italiana Sclerosi multipla (Aism) con lo scopo di informare, sensibilizzare e sostenere la ricerca.

Il tema dell’accessibilità ai diritti sarà introdotto con la presentazione della Carta dei Diritti Aism mentre l’accessibilità alle cure sarà il focus di discussione del convegno. La ricerca scientifica come strumento di advocacy è appunto il titolo del convegno che ogni anno vede riuniti, a Roma (il 28 maggio), ricercatori provenienti da tutto il mondo per rendicontare e confrontarsi sugli studi scientifici sulla malattia.

La giornata mondiale della Sclerosi multipla

Il 28 maggio si celebra il World Ms Day, la Giornata mondiale della sclerosi multipla promossa dalla Federazione Internazionale della Sclerosi multipla insieme alle Associazioni di Sm nel mondo e, per l’Italia, dall’Aism. L’iniziativa coinvolgerà 60 Paesi e vedrà centinaia di iniziative e manifestazioni contemporaneamente in tutto il mondo.

Un concorso fotografico per sensibilizzare sul tema

Sempre per sensibilizzare i temi dell’accesso alle cure la città di Torino ha ospitato fino al 20 maggio la mostra fotografica Under Pressure: living with Ms in Europe, una mostra di immagini che raccontano la vita delle persone con sclerosi multipla in Europa.

L’obiettivo della mostra con una selezione di 30 fotografie di grandi dimensioni (1,80 metri x 1,20 metri), opera di fotografi di fama internazionale: Walter Astrada, Maximiliano Braun, Fernando Moleres, Lurdes R. Basolí e Carlos Spottorno – è quello di identificare l’Europa come un luogo in cui l’accesso alle cure per le persone con Sm deve essere un diritto. I costi sociali della Sm sono molto elevati (2,7 miliardi annui solo in Italia) e sono destinati ad aumentare nel futuro.