Home » DIRITTI » Sclerosi multipla, un nuova guida dall’Aism

Sclerosi multipla, un nuova guida dall’Aism

La mela, il simbolo ed il prodotto attraverso cui l'Aism, Associazione italiana Sclerosi Multipla, promuove la raccolta fondi 2014

La mela, il simbolo ed il prodotto attraverso cui l’Aism, Associazione italiana Sclerosi Multipla, promuove la raccolta fondi 2014

Focus sui disturbi cognitivi

L’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) mette a disposizione una nuova guida, questa volta concentrata sui disturbi cognitivi. Problemi di memoria, attenzione, difficoltà a mantenere la concentrazione, si manifestano in oltre la metà delle persone con Sclerosi Multipla. Sono difficili da spiegare, accettare e gestire e possono avere un impatto diretto sulla qualità di vita. I disturbi cognitivi sono sintomi della sclerosi multipla come altri disturbi legati alla patologia: vista, equilibrio o funzioni motorie. Si manifestano in forma lieve nel 50% delle persone con SM, ma solo nel 10% dei casi raggiungono livelli rilevanti. Attenzione, memoria, funzioni esecutive, sono le attività più colpite. In alcuni casi gli effetti di questi disturbi – se non riconosciuti e gestiti – possono influenzare anche le attività lavorative.
I principali disturbi cosiddetti non visibili, difficili da individuare e da spiegare agli altri – possono ledere l’autostima ed essere male interpretati da chi ci sta intorno, come familiari amici, colleghi. Se non adeguatamente informati possono confonderli con pigrizia, disinteresse, distrazione. Per questo abbiamo l’Aism ha realizzato un nuovo video per conoscere meglio simili disturbi e condividere alcuni consigli su come gestirli al meglio.
Si tratta del secondo video dedicato ai temi più sentiti dalle persone con SM che hanno realizzato, dopo quello dedicato al Lavoro.
L’Associazione Italiana Sclerosi Multipla è da sempre impegnata in un percorso di rappresentanza e affermazione dei diritti delle persone con sclerosi multipla in tema di lavoro. Sostenere il diritto al lavoro delle persone con disabilità – anche attraverso l’intervento concreto sulla materia contrattuale – è in un obiettivo primario, una precondizione di inclusione sociale ed effettiva partecipazione dei cittadini con disabilità alla vita della comunità.

[jwplayer mediaid=”6557″]

La guida precedente: il lavoro e i malati di sclerosi multipla

La precedente guida era intitolata Disabilità e lavoro – Una disamina delle disposizioni contrattuali per la conciliazione dei tempi di lavoro e cura: il caso della Sclerosi Multipla, patrocinata dalla FISH (Federazione Italiana Superamento Handicap) – nella quale si riportava un’analisi delle clausole contrattuali inerenti la conciliazione dei tempi di lavoro e cura. La guida si concentrava su elementi relativi alla disabilità ponendo la SM come situazione emblematica di casistiche più vaste, ma con l’obiettivo di rimuovere situazioni di discriminazione e sostenere percorsi di valorizzazione delle abilità e competenze personali nel quadro della disabilità in generale. Il documento è stato messo a disposizione delle organizzazioni sindacali e datoriali, fornendo loro conoscenze ed approfondimenti, al fine di favorire – in sede di contrattazione nazionale e territoriale – l’inserimento e l’applicazione di disposizioni in grado di promuovere condizioni per un’adeguata tutela delle persone con SM. Conoscere la sclerosi multipla è il primo fondamentale passo per andare oltre questa patologia e vivere una vita piena.